Websource: Google

Questa mattina a Modena, una donna di 84 anni ha rischiato la vita per prepararsi il pranzo con l’alcol etilico. La donna era costretta a questo espediente da qualche settimana, da quando cioè la compagnia del gas le aveva staccato la fornitura per il mancato pagamento delle ultime bollette. L’anziana aveva preso con filosofia la decisione della compagnia, d’altronde, a causa della pensione minima da 600 euro mensili che percepisce, non aveva modo di pagare le bollette e aveva ideato questo espediente per cucinarsi quotidianamente senza l’assillo di dover coprire i pagamenti in arretrato.

Oggi però, mentre si preparava a cucinare, qualcosa è andato storto, probabilmente la donna ha perso il controllo dell’alcol e questo a contatto con il fuoco ha generato una fiammata che l’ha investita. Per fortuna nell’appartamento accanto vive una famiglia che, non appena udite le urla della vicina, si è sincerata delle sue condizioni ed ha prontamente chiamato vigili del fuoco ed i soccorsi. L’anziana è stata portata d’urgenza all’ospedale dove si trova ancora adesso per guarire dalle ustioni, ma non è in pericolo di vita.

L’incidente occorso alla donna ha fatto infuriare i suoi vicini di casa, la donna abita in un appartamento Acer (abitazioni a canone agevolato per chi ha difficoltà economiche), inoltre non ha nessun parente che si possa occupare di lei, tutte queste condizioni, secondo il vicinato, richiedono delle agevolazioni anche nel pagamento delle bollette, non è corretto lasciare una donna di 84 anni senza gas costringendola ad utilizzare l’alcol per cucinarsi e ad utilizzare l’acqua fredda per lavarsi.

F.S.