(foto dal web)

Ancora un giovane, il terzo in poche ore, morto in sella al suo mezzo a due ruote: si tratta di Matteo Sinigaglia, 26enne residente a Ponte di Nanto. Il ragazzo è andato a finire contro un trattore per lo sfalcio del verde. Aveva appena finito il suo turno di lavoro come montatore meccanico in un’azienda di Trissino. Matteo Sinigaglia guidava la sua Aprilia, sulla strada provinciale degli Olivi, che dai Colli Berici va appunto verso Ponte di Nanto. Il trattore era quasi fermo, ma ciò nonostante il giovane lo avrebbe visto all’ultimo momento e nonostante la frenata non sarebbe riuscito a evitare l’impatto, che è stato terribile.

Inutile l’intervento del Suem 118 che è arrivato sul posto con un’ambulanza dall’ospedale di Noventa Vicentina e con l’elicottero. Sulla dinamica dell’incidente stanno indagando i carabinieri di Barbarano e Brendola, che stanno effettuando i rilievi e stanno cercando di ricostruire la dinamica, anche sentendo alcuni testimoni, innanzitutto chi guidava il trattore. Sul posto anche i genitori del ragazzo e la fidanzata, oltre al sindaco del paese, Ulisse Borotto. Ponte di Nanto è sotto choc per l’accaduto e in tanti hanno riservato un messaggio di cordoglio per la morte di Matteo Sinigaglia: “Ci hai fatto un brutto scherzo Matteo”, è uno dei commenti più comuni.

Nelle scorse ore, a Formia, è morta una ragazza di 21 anni: stava viaggiando a bordo del sua Vespa 125 quando, superato di un centinaio di metri il distributore del gas, è andata a scontrarsi frontalmente con un’auto, una Renault Modus, proveniente dal senso di marcia opposto. In precedenza, sempre in sella alla sua moto, è deceduto Gianluca Ghetti, quarantasette anni, forlivese. Diplomato come odontotecnico, era da qualche anno che Gianluca si era trasferito a Ferrara per lavorare come operatore socio-sanitario e convivere con la sua compagna e la figlia di dieci anni.

Matteo Sinigaglia

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM