Muore investito da un tram: una donna accusata di omicidio

(Websource / Mirror)

Una donna inglese è indagata per l’omicidio di un uomo morto investito da un tram. Il 30enne Philip Carter è stato dichiarato morto sul luogo dell’incidente domenica sera a Manchester. Carter era un operaio che viveva da solo nel nord della città ed è spirato attorno alle 19.45, come ha spiegato poco dopo un portavoce del servizio di trasporto pubblico dell’area di Manchester: “Poco prima delle 19.45 un autista di tram ha riportato di una collisione con una persona. L’impatto è stato improvviso e sono stati chiamati i soccorsi.Sono assolutamente devastato nell’apprendere che una persona è morta a causa di questo tragico incidente ed i miei pensieri vanno immediatamente alla famiglia e agli amici di questa persona. Trattandosi di un’indagine della polizia, non è opportuno che io fornisca ulteriori dettagli relativi alla vicenda”. Nella giornata di lunedì le indagini della polizia hanno portato alla 31enne Charissa Loren Brown-Wellington, 31 anni. La donna è stata successivamente ascoltata – in lacrime – ieri mattina dalla Manchester and Salford Magistrates’ Court dopo essere stata accusata di omicidio. Secondo la polizia di Manchester infatti, Philip Carter sarebbe stato spinto da un’altra persona sul binario nel momento in cui passava il tram, rendendo inevitabile l’incidente. La ragazza, che non ha ammesso di aver commesso il crimine, è stata messa in custodia e dovrà ricomparire in aula quest’oggi di fronte alla Manchester Crown Court, cui il suo avvocato- James McDermott – ha già fatto sapere di voler presentare formale richiesta di cauzione per la sua cliente.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI