Poliziotto angelo fa una capanna con una bimba per farla sentire al sicuro

poliziotto angelo

I poliziotti spesso sono eroi, sacrificando la propria vita per salvare uno sconosciuto. In altri casi non muoiono ma compiono dei gesti immensi. Un poliziotto inglese è andato ben oltre i suoi doveri rassicurando una bambina che giocava in un giardino vicino al luogo in cui è avvenuto un raid a mano armata. Daniel King stava supervisionando il luogo in cui la polizia aveva effettuato un raid a mano armata, nella casa in cui i vicini avevano sentito degli spari. Il 25enne ha notato Mia Kellet, una bambina di 6 anni che giocava titubante in un giardino vicino la scena del crimine. Per metterla a suo agio, Daniel King, in polizia da soli 6 mesi, l’ha aiutata a costruire una tana utilizzando dei bastoni di legno.

“Ha iniziato a fare domande, cose tipo cosa fosse il nastro della scena del crimine, poi ha iniziato a giocare, quindi mi sono unito a lei. E’ degenerata da lì e abbiamo costruito una capanna”, ha detto il poliziotto. “Quando ci sono bambini intorno a una scena del crimine, provo a renderli partecipi – non è parte del lavoro, ma sono fatto così”. Le foto sono state scattate dal padre di Mia, Andrew Kellett, che ha detto: “All’inizio Mia era un pò titubante a causa della quantità di polizia. Poi ha iniziato a chiedere al poliziotto cosa fosse successo e lui l’ha rassicurata e fatta sentire al sicuro”. “Daniel era amichevole”, continua il padre, “l’ha fatta sentire al sicuro ed è andato ben oltre i suoi doveri”. Una foto potente e significativa di un poliziotto che toglie tempo ai suoi doveri per costruire una capanna con una bimba per farla sentire al sicuro. “E’ bello vedere che esista ancora umanità nelle piccole cose”.

Lavinia C.

Tutte le News di Oggi – VIDEO