Addio a Maurice Messegué, celebre erborista e fitoterapista

Maurice Messegué
Maurice Messegué, celebre erborista, è morto a 95 anni nella sua casa in Francia (websource)

Il re della medicina naturale Maurice Messegué è morto oggi nella sua casa di Auvillar, nel sud della Francia, all’età di 95 anni. Soprannominato in Francia “il Papa delle piante”, Messegué è stato scrittore, uomo politico e presidente di due squadre di rugby ma la sua celebrità deriva dall’erboristeria. E’ considerato infatti uno dei precursori della fitoterapia, disciplina che prevede l’utilizzo di erbe nella cura di patologie. In anticipo sui tempi, Maurice Messegué si è consacrato allo studio delle piante e dei loro benefici, intraprendendo un lungo lavoro di studio delle proprietà degli organismi vegetali, fino a quando, nel 1958, ha creato il suo laboratorio a Parigi, chiamandolo «Dai fiori selvaggi». Convinto che “E’ la natura che ha ragione”, Maurice Messegué aveva un solo obiettivo: che ciascuno potesse condurre una vita più gradevole grazie alle virtù delle piante. Nel 1974 ha fondato i “Laboratori di erbe selvatiche” per commercializzare piante medicinali e aromatiche, portandolo al successo internazionale.

Nonostante gli studi e progressi ottenuti grazie alle sue ricerche, il guru delle erbe è stato processato 21 volte per esercizio illegale della professione medica. Un vero e proprio accanimento che, come lui stesso ha ammesso più volte, ha contribuito ad accrescere la sua fama a livello internazionale. Si sono infatti affidati alle sue cure naturali molti personaggi illustri del secolo scorso: da Winston Churchill al cancelliere tedesco Konrad Adena, da Papa Angelo Roncalli a Maria Callas. Nel 1994 si era ritirato, passando il testimone al figlio, Marc Messeguè, che da anni opera in Italia con il suo Centro presso il Park Hotel ai Cappuccini di Gubbio, Perugia.

Lavinia C.

Tutte le News di Oggi – VIDEO