Tamponato da un tir e investito dal furgone

La scena dell’incidente (Websource/archivio)

Un incidente terribile nella sua dinamica e una morte atroce quella del povero Ettore Guerrera, 61 anni, fondatore e titolare della pasticceria «Ibis» di Castelletto Ticino. L’uomo si trovava a bordo della sua motocicletta, uno scooter Suzuki 400, e si stava recando presso un’azienda di Borgo Ticino per far riparare una macchinetta del caffè. In base alla ricostruzione effettuata dagli agenti della polizia stradale di Borgomanero sembra che Guerrera stesse percorrendo Via Sempione e avesse messo la freccia per svoltare a sinistra. A quel punto un camion lo ha tamponato scaraventandolo sull’altra corsia. Lì proprio in quel momento stava sopraggiungendo un furgone che non ha potuto evitarlo e lo ha travolto.

Sul posto sono subito intervenuti i sanitari del 118. L’uomo, apparso subito molto grave, è stato soccorso immediatamente ma purtroppo le ferite riportate nel duplice scontro sono state troppe e troppo gravi. Ettore è morto così poco dopo l’arrivo dell’ambulanza.

Ettore era famoso in zona per aver fondato nei primi anni ’80 insieme alla moglie la tanto apprezzata pasticceria «Ibis» di Castelletto Ticino. Il genero Antonio spiega che Ettore è morto a meno di 100 metri dalla sua destinazione. Era quasi arrivato e invece ora non c’è più. “La pasticceria e l’annesso laboratorio professionale per il dolce e il salato, accessibili dal centro commerciale “Il Sempione” di Castelletto Ticino – dice Antonio – rappresentavano una grande soddisfazione per Ettore. Lavorava con lui l’intera famiglia per garantire l’apertura tutti i giorni con orario continuato dalle 6,15 alle 19,30”. Ettore lascia la moglie Pinuccia e i figli Filippo, Ambra e Federico.

La vittima, Ettore Guerrera (Websource/archivio)

F.B.