Imprenditore di successo muore stroncato dal cancro

Simone Carnieletto (foto dal web)

Grande il cordoglio in queste ore per la morte di Simone Carnieletto, imprenditore di Cessalto di 48 anni, che si è spento al Ca’ Foncello di Treviso a causa di un male incurabile. Era il titolare dell’impresa di famiglia, fondata dal padre, la Veneta Cuscini, poi trasformatasi in Twils. L’azienda prende il nome dalle iniziali di Simone Carnieletto e dei suoi fratelli Tiziano, Wilma e Luisella, ed è una realtà conosciuta a livello internazionale nel settore dei letti tessili imbottiti, dei complementi e della biancheria, tanto da essere azienda leader nel settore da diversi lustri.

L’uomo aveva scoperto a dicembre scorso di avere un tumore ai polmoni, aveva fatto due cicli di chemioterapia, ma il male era particolarmente invasivo e circa un mese fa le sue condizioni si erano aggravate. Spiegano i suoi cari: “Simone era conosciuto e apprezzato per la solarità, l’energia e il perenne sorriso con cui affrontava sia la vita quotidiana che quella professionale, nel suo amato ruolo di direttore di produzione”. Simone Carnieletto era celibe, amava lo sport e la vita sana. A Cessalto parlano di lui come di “un ragazzo bello, alto e atletico, sembrava che nulla potesse abbatterlo. Sempre con il sorriso anche nei momenti di difficoltà, era molto umile e non ti faceva mai pesare nulla”. Anche i dipendenti dell’azienda non si danno pace: “Andare al lavoro non sarà più come prima”, confessano.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

GM