Muore durante il parto gemellare, medici sotto accusa

Claudia Bordoni (Websource/archivio)

Claudia Bordoni, una giovane donna di 35 anni che doveva dare alla luce due gemelline, morì durante il parto presso la Clinica Mangiagalli di Milano nell’aprile di un anno fa. La donna aveva avuto una minaccia di aborto e proprio per questo motivo, dal 13 al 21 aprile era già stata nel nosocomio milanese. Lì era poi tornata il 25 aprile perché non si sentiva bene. I medici (ginecologo e ostetrica) però dopo tutte le visite e gli esami necessari l’avevano dimessa. Il giorno successivo la 35enne era andata autonomamente in un’altra struttura milanese famosa per la sua specializzazione in Ostetricia, la clinica Mangiagalli. Qui però si verificò un’emorragia. I sanitari cercarono di praticare un cesareo d’urgenza che purtroppo fallì. La donna così morì di parto e con lei morirono i due bambini che portava in grembo.

Nei giorni successivi la direzione dell’ospedale fece un comunicato assicurando di avere “immediatamente avviato un’indagine interna per ricostruire ogni dettaglio della vicenda”, e di aver dato la “piena collaborazione alla magistratura per tutti i rilievi del caso”. La nota poi si concludeva così: “Abbiamo piena fiducia nell’operato dei nostri medici e delle nostre ostetriche, che hanno reso il nostro ospedale uno dei migliori e più sicuri punti nascita d’Italia. Non a caso la donna ci era stata affidata da un’altra struttura, proprio perché siamo punto di riferimento per gravidanze in cui sono possibili complicazioni”.

Oggi arriva la notizia tanto attesa dalla famiglia di Claudia. Infatti il gip di Milano Stefania Donadeo ha disposto l’imputazione coatta con la conseguente richiesta di rinvio a giudizio per un medico e due ostetriche della clinica Mangiagalli. L’accusa nei loro confronti è di omicidio colposo. La Procura aveva chiesto l’archiviazione dell’indagine ma il giudice ha invece deciso in maniera opposta, accogliendo così la richiesta avanzata dai familiari della donna, assistiti dagli avv. Antonio Bana e Antonio Sala Della Cuna.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

F.B.