Muore imprenditore, ai dipendenti “Lascio 4 milioni di euro”

(Archivio/Websource)

Luciano Tamini, classe 1932, era certamente un motivatore. I suoi dipendenti li conosceva uno per uno e in azienda i dubbi li superava ogni giorno con le decisioni. “Se non decidi sbagli di sicuro”, ripeteva ai suoi collaboratori.
Un mese fa gli era stata diagnosticata una malattia incurabile e così sabato si è spento per sempre, a 84 anni. “Ma sì, sono contento di avere davanti un po’ di tempo, così posso organizzare bene le cose che voglio lasciarmi alle spalle”, aveva detto appena saputo della sua malattia e così il primo pensiero erano stati i suoi dipendenti. “Vorrei lasciare un ricordo”, aveva detto ed è così che a loro è stato destinato un lascito di circa 4 milioni di euro a circa 300 persone. 15 mila euro per ogni operaio e 10 mila per ogni impiegato, “perché è giusto dare qualcosina in più a chi guadagna meno”, diceva.

Beneficiari del lascito sono stati tutti coloro che erano alle dipendenze della Tamini al momento in cui è stata ceduta al gruppo Terna e che ancora lavorano nell’azienda fondata 101 anni fa da suo padre.

Alla morte prematura del suo genitore, era stato Luciano, il più giovane dei tre fratelli, che a ventuno anni aveva preso le redini dell’azienda alla conquista del mercato dell’energia elettrica, rifiutando qualsiasi forma di cartello, nonostante le avances delle multinazionali.
Un carattere duro, ma un capo capace di calibrare parole e atteggiamenti. “Ho avuto un gran c…, perché quello che ho deciso poi ha funzionato”, amava ripetere.

Nel 2014 era arrivata la scelta più sofferta: cedere l’azienda a Terna, assicurando così “un futuro al marchio e sopratutto ai lavoratori”. E in questo modo i bilanci erano rimasti in attivo: “non è mai stato licenziato nessuno, non è mai stata fatta un’ora di cassa integrazione e non ci sono debiti con le banche”, aveva dichiarato.

Poi però nel 2016 era arrivata la cassa integrazione anche per i dipendenti della Tamini e Luciano era stato estromesso anche dalla carica di presidente onorario.
Così, aveva deciso di scrivere una lettera indirizzata agli “amici” operai, impiegati, dirigenti, sindacalisti. “Ho compiuto 84 anni, ma come un vecchio leone vi dico che sono pronto a ruggire ancora. La Tamini è indistruttibile e non potrà finire mai. Abbiate pazienza e fiducia, un abbraccio a tutti”.
In occasione del suo funerale domani alle 10 a Fortunago, in provincia di Pavia, sono state concesse otto ore di permesso a tutti i dipendenti perché possano partecipare al commiato.

A gennaio dell’anno scorso una vicenda simile era accaduta a Bodio Lomnago, un piccolo paese in riva al lago di Varese dove ha sede la Enoplastic. Il fondatore della fabbrica, Piero Macchi, morto a 87 anni, aveva lasciato ai suoi 250 dipendenti una busta con un assegno da 2mila, fino a 10mila euro per chi era in azienda da molti più anni.
Leonardo Del Vecchio, presidente e fondatore del gruppo Luxottica, in occasione del suo ottantesimo compleanno regalò 9 milioni di euro in azioni per i suoi dipendenti, composti da 140mila azioni complessive. Ancora prima, Fabio Padovan, imprenditore trevigiano, titolare della Otlav di Santa Lucia di Piave, in occasione del suo 60esimo compleanno, decise di far trovare seicento euro in più in busta paga ai suoi dipendenti.
BC