L’ex fidanzato la uccide: lei aveva previsto tutto mesi prima

(Websource / Sun)

Una donna americana è stata uccisa dal suo ex fidanzato e, incredibilmente, aveva previsto tutto diversi mesi prima dell’accaduto. Stella Martinez, 39 anni, è morta lo scorso 23 giugno a causa dei danni cerebrali riportati nell’aggressione subita tre settimane prima a Las Vegas, Nevada. Il dipartimento di polizia della celebre città statunitense ha riferito che un ufficiale ha visto coi propri occhi Christopher Wood, 41enne ex fidanzato di Stella, soffocarla. Stella in passato aveva avuto problemi di droga e stava seguendo un percorso di recupero, ma già da tempo temeva di fare una brutta fine. Incredibilmente infatti, lo scorso gennaio la donna aveva previsto la propria morte con un post su Facebook in cui lamenta la mancanza di tutela da parte delle forze dell’ordine: “Sarò morta prima che (loro) facciano qualcosa”. Pare che Stella e Christopher avessero iniziato una relazione nel maggio 2016 ma ben presto le cose tra di loro hanno preso una brutta piega, tanto da portare Stella ad accusare Christopher di essere un sociopatico. In quel periodo è nato anche l’astio della vittima nei confronti della polizia che, allertata in occasione di una lite violenta tra la coppia, aveva arrestato lei e non il compagno. Sempre su Facebook, la 39enne si era lasciata andare ad uno sfogo che oggi ha il sapore della predizione: “Anche se non ho dubbi sul fatto che tu voglia uccidermi, non mi troverai mai”. Ora Christopher è accusato di tentato furto, tentato omicidio e violenza domestica. L’uomo è un pregiudicato, avendo nel 2014 scontato una pena di un anno di carcere dopo essersi dichiarato colpevole di aggressione nei confronti della sua ex moglie.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI