Torre Annunziata, Marco torna a casa in tempo per morire

(Websource/archivio)

Era stata una notte come tante altre per Marco Cuccurullo, terza vittima del crollo della palazzina di Torre Annunziata. Il 27enne, figlio del dirigente del Comune Giacomo Cuccurullo, era tornato infatti soltanto da un paio d’ore a casa. Marco era un esperto di fuochi d’artificio, come ha spiegato tra le lacrime un’amica della sua fidanzata Francesca, e aveva trasformato la sua passione in un vero e proprio lavoro. Il ragazzo era specializzato in particolare negli aspetti legati alla tempistica ed il suo cavallo di battaglia erano i fuochi a mare. La fidanzata e tutte le persone a lui vicine hanno atteso buone notizie per tutto il giorno, salvo poi arrendersi all’evidenza dei fatti. “Gli voglio bene” – ripeteva in continuazione Francesca, con lo sguardo vuoto di chi ha capito ma non vuole accettare la perdita del proprio amore. Marco purtroppo non ce l’ha fatta, così come il padre Giacomo e la madre Adelaide.

S.L.

TUTTE LE NEWS DI OGGI