Trovata ragazza impiccata, si tratterebbe di Angela

Websource/Archivio

Nella giornata di ieri due volontari impegnati nella ricerca della giovane Angela, ragazza di 22 anni scomparsa da diversi giorni, hanno ritrovato il cadavere di una giovane donna in un paese vicino Casaluce (Caserta), al confine con Teverola, ed hanno avvisato i carabinieri. Subito, in base alla corporatura ed all’abbigliamento, i gendarmi hanno pensato che si potesse trattare di Angela Picone, proprio la ragazza scomparsa il 13 luglio mentre si recava al lavoro: Angela era uscita di casa in bicicletta per andare a lavorare, ma quel giorno non ci è mai andata e non era più tornata a casa dei genitori .

In seguito al ritrovamento del cadavere è stato chiamato il medico legale per esaminare la scena del delitto e stabilire le cause del decesso. Secondo il medico sul corpo non ci sono tracce di violenza (lividi, escoriazioni), il che fa supporre che la ragazza abbia deciso d’impiccarsi. Dopo l’esame del corpo, è stato chiamato il padre di Angela per il riconoscimento, l’uomo in un primo momento ha detto ai militari che era quasi sicuro che non si trattasse della figlia per via della carnagione troppo scura, ma quando ha visto i vestiti ha confermato che erano gli stessi indossati dalla figlia.

Resta da capire quali sono i motivi che hanno spinto la ragazza a compiere un simile gesto, nei giorni precedenti al ritrovamento i familiari avevano sperato di riabbracciare la figlia quando un uomo aveva detto di averla vista, ma la pista si era rivelata fallace. La notizia ha sconvolto tutta la comunità di Casaluce, piccolo paese di 10 mila abitanti dove tutti la conoscevano.

F.S.