Trump si scaglia contro i trans: ”Tremendi costi e disagi”

Donald Trump (Photo credit should read SAUL LOEB/AFP/Getty Images)

Donald Trump contro i trans: ”Tremendi costi medici e disagi”. Questa la sua arringa, in particolare con i transgender nell’esercito. Il presidente degli Stati Uniti ieri ha twittato la sua decisione di vietare ai trans l’accesso nelle forze armate americane, un altro netto dietrofront rispetto alla politica del predecessore Barack Obama che nel 2016 aveva abolito il divieto. ”Dopo consultazioni con i miei generali ed esperti militari – ha scritto su Twitter Trump – informo che il governo degli Stati Uniti non accetterà o consentirà ad individui transgender di servire, in qualsivoglia ruolo, nelle forze armate degli Stati Uniti. I nostri militari devono concentrarsi su decisive e schiaccianti vittorie e non possono essere oberati dai tremendi costi medici e disagi che comporta avere transgender nelle forze armate”. Al contrario Obama aveva stabilito che il reclutamento doveva interessare le persone migliori ”senza barriere che non siano legate esclusivamente alle loro competenze”. Nel 2010, inoltre, era stata stabilita l’abolizione della regola in base alla quale ogni militare doveva dichiarare la propria omosessualità, pena la radiazione. Questa, comunque, non è la prima volta che Trump scende in campo contro i transgender, visto che poco più di un mese dopo il suo insediamento, aveva revocato un’altra norma siglata da Obama, quella che consentiva agli studenti transgender di utilizzare i bagni e gli spogliatoi scegliendoli secondo l’identità di genere con cui si identificavano.

M.O.

TUTTE LE NEWS DI OGGI