Roma, trovate gambe in un cassonetto

All’interno di un cassonetto per l’immondizia di Piazza Euclide, a Roma, sono stati trovati i resti di un cadavere sezionato: due gambe tagliate con una sega e poi nascoste nel contenitore di metallo. Un ritrovamento scioccante fatto da una ragazza nella serata di ieri su un tratto di viale Maresciallo Pilsudski, all’altezza di Villa Glori. Addirittura, la giovane, una volta fatta la scoperta, è stata colta da malore e subito dopo ha dato l’allarme. Sul posto la polizia si è precipitata immediatamente per procedere ai rilievi del caso utili per le indagini. Ad una prima ispezione del medico legale, il corpo ritrovato all’interno non dovrebbe appartenere ad un uomo senza fissa dimora, perchè i due arti sembrano ben curati. Difficile però capirlo visto che gli elementi a disposizione delle Forze dell’Ordine e dei medici sono davvero pochi. Non è stato quindi ancora possibile dare un’identità al morto tramite impronte digitali. La polizia, ora, sta verificando le denunce di scomparsa sperando di potere imboccare una pista precisa.

M.O.