Ischia, Anna nasce nella notte del sisma: “Il miracolo della vita”

(Facebook)

Nella tragedia del terremoto che ieri sera ha colpito lschia ci sono delle vicende che sono andate a lieto fine e hanno commosso l’intero Paese. In particolare, milioni di italiani sono rimasti incollati davanti al televisore e su Internet per seguire in diretta l’evolversi della situazione dei tre fratellini rimasti intrappolati sotto alle macerie. Dopo aver salvato il più piccolo, Pasquale, i pompieri hanno parlato con gli altri due, di 11 e sette anni, per tenerli tranquilli e trasmettere loro sicurezza, poi dopo le 13 anche il terzo fratello è stato estratto vivo.

Una vicenda dunque che ha avuto il finale che tutti speravamo, così come quella di Anna, la piccola nata stanotte all’ospedale di Ischia, appena dopo la terribile scossa che ha provocato due vittime. Le prime immagini della bambina sono state diffuse su Facebook dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che scrive: “Ecco Anna, la bimba nata al Rizzoli di Ischia stanotte. Viva la vita”. Centinaia i like e condivisioni per questa bella immagine, un segnale di speranza dopo quanto accaduto. “Non c’è notte buia che non termina con il sole che risorge di nuovo. Benvenuta Anna e forza e coraggio”, scrive Concetta per salutare il lieto evento della nascita della bimba. Qualcuno ricorda poi “il meraviglioso miracolo della vita”.

Il terremoto, pur di intensità medio-bassa, ha provocato decine di feriti, quasi tremila sfollati, ma soprattutto due vittime: Lina Balestrieri Cutaneo, colpita da dei calcinacci caduti dalla chiesa di Santa Maria del Suffragio a Casamicciola, e Marilena Romanini, 65 anni, originaria del bresciano e per diverso tempo residente a Monte San Giusto, nel maceratese.

GM