Maddie, il messaggio dalla sua scuola: “Teniamo ancora il tuo posto”

(Websource / Sun)

“Speriamo che Maddie torni in classe al più presto”. Così dicono le insegnanti della scuola che avrebbe dovuto frequentare Madeleine McCann, e dove questa settimana la bambina inglese scomparsa nel 2007 durante una vacanza in Portogallo con i genitori avrebbe dovuto intraprendere i “GCSE”, gli esami intermedi delle scuole superiori nel Regno Unito. Tutti i suoi compagni di scuola continuano a pregare per lei e a sperare di averla quanto prima tra loro. “Il suo posto è sempre qui, pronto ad accoglierla”, dicono.

La mamma di Maddie, Kate, la ricorda come “una bambina incredibilmente intelligente”: era scomparsa che aveva solo 3 anni, oggi ne avrebbe 14 e sarebbe in procinto di affrontare una tappa decisiva del suo percorso formativo al De Lisle College di Loughborough, nel Leicestershire, dove sono iscritti il fratello e la sorella minore, Sean, 12 anni, e Amelie. Assieme al marito Gerry, Kate non ha mai smesso di sperare in un ritrovamento. Il parroco della famiglia, rev. Rob Gladstone, ricorda che “non ci sono prove che Madeleine sia morta, dunque incoraggiamo Kate e Gerry alla fede, alla speranza, alla perseveranza e al coraggio”.

In tutti questi anni sarebbero stati spesi ben quindici milioni di euro per le ricerche della piccola tra il Portogallo e la Gran Bretagna. Una cifra enorme che, purtroppo, non è bastata a fare luce sul “caso Maddie”. Né sono serviti ad arrivare a un punto fermo i quaranta investigatori impegnati, e soprattutto le 8.685 segnalazioni di avvistamento provenienti da 101 Paesi nel mondo. Tutte piste false. Gli investigatori di Scotland Yard, dal canto loro, hanno sempre stigmatizzato il primo intervento dei colleghi portoghesi. Ma le indagini, almeno per il momento, vanno avanti.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS