Camion centra in pieno un’auto, in fin di vita un noto imprenditore

(Websource/Archivio)

Versa in gravi condizioni Alberto Navatta, imprenditore trentaquattrenne di Parma titolare di un’azienda di Pilastro che si occupa di produrre macchinari per il pomodoro, dopo che l’Audi A3 su cui viaggiava è stata centrata in pieno da un camion: l’incidente ha avuto luogo lo scorso 25 aprile, Alberto era in macchina con un dipendente della filiale spagnola della sua azienda, Javier Sànchez Lete, quando giunti al chilometro 152 della N430 che attraversa l’Extremadura il loro mezzo è stato colpito in pieno da un mezzo articolato.

L’auto si è ribaltata diverse volte ed il conducente (il 31enne dipendente spagnolo) è morto sul colpo. Sul luogo dell’impatto è stata inviato l’elisoccorso del Servicio Extremeño de Salud. Dopo che i vigili del fuoco hanno estratto i due passeggeri dell’abitacolo, i paramedici hanno constatato il decesso di Javier Lete e messo sull’elicottero il giovane imprenditore italiano per portarlo all’ospedale più vicino.

Navatta presentava delle gravi ferite su tutto il corpo ed una volta giunto all’ospedale Don Benito della località iberica Casa de Don Pedro è stato subito portato nel reparto di terapia intensiva in prognosi riservata. Al momento non ci sono notizie di un miglioramento delle condizioni dell’imprenditore, Alberto infatti è ancora in coma farmacologico. Nel frattempo il fratello e la madre hanno preso un volo per stare vicini al proprio caro nella speranza che riprenda conoscenza e si ristabilisca.

F.S.