Una vita per il lavoro: resta vittima di un malore fatale

Gabriella Giacoponi (foto dal web)

Sono tutte da chiarire le cause del decesso di Gabriella Giacoponi, morta a Macerata uccisa da un malore dopo essere svenuta dal medico. La donna, 56enne ex bandiera della Macerata Softball dal 1975 al 1993, aveva avuto un piccolo incidente sul lavoro e lamentava un continuo dolore alla caviglia. Così il fratello Giorgio l’ha accompagnata dal medico. Improvvisamente, la donna è svenuta ed è stato così allertato il 118. Sul posto, gli operatori del personale medico sanitario per circa 40 minuti hanno inutilmente provato a rianimare la donna. Per lei purtroppo non c’è stato nulla da fare.

Gabriella Giacoponi per molti anni aveva lavorato in una nota libreria, specializzata nella vendita di testi scolastici, e attualmente da Trony, per cui era molto conosciuta a Macerata. “Nell’incredulità per questa scomparsa così improvvisa, ti porto nel più profondo del cuore”, uno dei tantissimi messaggi di cordoglio apparsi in queste ore sui social network, dopo che la notizia si è diffusa. “Porta il tuo sorriso in cielo”, scrive un’altra amica su Facebook, mentre qualcuno ne ricorda il carattere: “Mi ricorderò sempre del tuo sorriso e di che persona buona eri. Non se ne trovano più in giro e sono sempre le prime a lasciarci”. Incredulità e sgomento sono i sentimenti più ricorrenti, mentre ora si attendono i risultati dell’autopsia che dovranno chiarire questo dramma. Domani intanto ci saranno i funerali.

GM