Giallo a Roma, notte in discoteca finita nel sangue

(Archivio/Websource)

Che sia stata una lite avvenuta all’interno di una discoteca o uno sguardo o una parola di troppo, certamente la serata si è conclusa in tragedia per Giuseppe Galvagno. L’uomo è stato infatti trovato agonizzante in un parcheggio in zona Eur non lontano da viale Oceano Atlantico. La vittima, cinquanta anni, imprenditore, originario di Catania ma residente a Roma, è stato soccorso dall’équipe del 118 circa all’1.30 di questa notte.
Solo qualche minuto più tardi sull’ambulanza che lo stava trasportando d’urgenza all’ospedale Sant’Eugenio l’uomo ha perso la vita.
Per il momento sono cinque gli addetti alla sicurezza di un locale che sono stati fermati con l’accusa di concorso in omicidio volontario aggravato dai futili motivi.
L’uomo aveva trascorso la serata all’interno del San Salvador, il locale alle cui dipendenze lavorano i cinque fermati e sarebbe stata la sua compagna ad aver chiamato i soccorsi.
Probabilmente Galvagno avrebbe rivolto alcuni apprezzamenti nei confronti di una ragazza all’interno del locale. A quel punto due addetti alla sicurezza lo avrebbero portato fuori e malmenato, aggregandosi poi alla rissa altri tre colleghi.

I carabinieri dell’Eur e il Nucleo investigativo sono ora al lavoro, grazie anche ai contributi apportati dalle telecamere della zona, per ricostruire la dinamica di quanto accaduto. Tra le ipotesi avanzate dagli investigatori, quella di possibile pestaggio di gruppo a cui sarebbe stata sottoposta la vittima. L’ipotesi di omicidio volontario sarebbe scattata a seguito dei diversi segni trovati sul corpo dell’uomo.
L’inchiesta è affidata al sostituto procuratore Eleonora Fini in coordinamento del procuratore aggiunto Maria Monteleone.
“E’ importante valutare i racconti dei testimoni presenti sulla scena per capire cosa sia successo nel corso della serata”, spiega Giuseppe Donnarumma, comandante del reparto operativo dei carabinieri.
“Conoscevo la vittima, era venuto già due o tre volte. Era un tipo poco raccomandabile. Dava spesso fastidio alle donne e si vantava di aver spaccato una discoteca a Milano. Non so cosa sia successo, io stavo lavorando, ho visto solo questi due che litigavano, forse per una donna, e poi sono usciti dal locale”, ha invece dichiarato il proprietario del San Salvador, Giancarlo Liberati.

Tempo fa un altro uomo fu trovato morto di fronte ad un locale, di era lui stesso il gestore. Accadde nel salernitano e la vittima fu un uomo di cinquantotto anni, Alessandro Stabile.
BC