Uomo fa venire i genitori dall’altra parte del mondo per picchiare la moglie

(Websource/metro.co.uk)

Un uomo è sospettato di aver fatto viaggiare appositamente i propri genitori dall’India agli Stati Uniti allo scopo di far picchiare la moglie, giudicata disobbediente. I coniugi Jasbir e Bhupinder Kalsi avrebbero quindi affrontato la lunga trasvolata su sollecitazione del loro figlio Devbir, 32 anni, soltanto per dare una lezione alla 33enne Silky Gaind. Adesso per la diabolica famiglia si prospetta un rimpatrio forzato in India. La ragazza è stata trovata in condizioni di prigionia all’interno della sua casa di Riverview, nei pressi della città di Tampa, in Florida. Sul corpo aveva segni di percosse, come svelato dalla polizia. Silky avrebbe anche subito delle minacce con un coltello da cucina da parte dei suoceri, ma per fortuna è riuscita ad avvisare sua madre e suo padre, che erano in India, di quanto stava accadendo. Da lì è partita una richiesta di aiuto e la polizia ben presto ha fatto irruzione in casa di Devbir, udendo le urla di Silky. L’ufficio dello Sheriff della contea di Hillsborough ha detto che la giovane stava gridando per mettere in salvo il suo bambino, aggiungendo anche che Devbir stava bloccando la porta ma che gli agenti sono riusciti lo stesso a fare irruzione nell’abitazione. La vittima è stata trovata con contusioni al viso, al collo ed in varie parti del corpo dopo essere stata più volte malmenata dal marito e dai suoceri. Anche le forze dell’ordine confermano poi di essere stati avvisati della faccenda dai genitori di Silky, direttamente dall’India. Ora Devbir ed il papà Jasbir dovranno probabilmente affrontare le accuse di sequestro di persona, abusi domestici e su minori e negazione all’accesso ai soccorsi, avendo naturalmente impedito a Silky di chiamare aiuto. Per la suocera Bhupinder invece le accuse dovrebbero essere soltanto di violenza domestica e mancata denuncia di abusi su minori.

S.L.

IL TG DI OGGI 5 SETTEMBRE 2017