Sparatoria davanti alla villa dei sinti, un Carabiniere viene colpito

(websource/archivio)

Scene da far west stasera di fronte alla villetta di proprietà di una nota famiglia sinti del torinese. Gravissimo un uomo di 47 anni, Gabriele Raimondi, mentre nella sparatoria anche un carabinieri è rimasto ferito lievemente ferito. Il militare dell’Arma ha riportato una lesione ad un gomito, medicata all’ospedale di Ivrea. L’episodio a Montalenghe. Dopo quanto accaduto è caccia aperta a un furgone bianco, da cui sarebbero partiti i colpi per cause ancora in corso di accertamento. Era stato il capofamiglia sinti a chiamare i carabinieri.

L’uomo aveva notato sui muri fori, che con ogni probabilità erano stato causati da alcuni proiettili, pare esplosi la sera prima. Dalla ricostruzione si evince che gli aggressori sarebbero scesi dal furgone bianco e poi avrebbero aperto il fuoco all’impazzata. Ad avere la peggio Gabriele Raimondi, di San Giusto Canavese, un parente del padrone di casa. L’uomo, infatti, è stato colpito in maniera grave all’addome e ora lotta tra la vita e la morte all’ospedale Cto di Torino. Qui infatti è sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Gabriele Raimondi, quando sono partiti i primi colpi, era all’interno del cortile della villetta. Il ferito invece è un brigadiere del nucleo operativo di Ivrea, accorso presso l’abitazione insieme a un collega. I posti di blocco attivati dai carabinieri al momento non hanno dato alcun frutto.

GM