“Con te se ne va il mio cuore”. Giuseppe è morto nella notte

giuseppe è morto
(Archivio/Websource)

Un’intera città è sotto choc per la morte di un ragazzo di diciassette anni, Giuseppe Barbato. Giuseppe è morto nella notte. Porto Empedocle compiange la scomparsa del giovane con alcune parole: “Con te va via una parte del mio cuore”.
Il giovane era uno studente, con la passione per il basket e tifoso della Fortitudo Moncada Agrigento.
A provocare la sua morte un incidente avvenuto in sella alla sua moto. Il giovane avrebbe perso il controllo del mezzo, finendo così sull’asfalto.
Il ragazzo frequentava l’istituto “Foderà” ed era amato da tutti i suoi amici. “Non ci sono parole riposa in pace Peppe”, scrive uno di loro rivolgendosi a Giuseppe.
Il giovane era conosciuto in tutta la città ora immersa nel più amaro cordoglio. “Di te ricorderò sempre il sorriso. Sei stato un fratello”, sono alcune delle parole che i cittadini rivolgono al ragazzo.
Insieme a Giuseppe Barbato è rimasta ferita nell’incidente anche una ragazza. La giovane si trovava sulla sella della Honda SH. E’ stata portata, in seguito all’incidente, all’ospedale San Giovanni di Dio dove i medici la stanno sottoponendo ad un delicato intervento chirurgico. Per il momento la prognosi resta riservata.

Un’altra tragedia è avvenuta oggi sul tratto autostradale della A 21 che conduce da Brescia a Piacenza, all’altezza di Ponzano di Leno. Un uomo alla guida di un’auto familiare ha perso il controllo della vettura mentre percorreva il tratto autostradale. A perdere la vita è stata la sua bimba di tre anni.
E’ ancora in coma la mamma investita a Pieve di Soligo in provincia di Treviso che lotta in queste ore disperatamente tra la vita e la morte. La donna, quarantasei anni, stava attraversando sulle strisce pedonali insieme alle sue due bambine di cinque e undici anni. Improvvisamente una Matiz rossa, guidata da un’anziana di ottantasette anni, è arrivata a tutta velocità travolgendole senza nemmeno provare a frenare.
BC