Muore per un gioco erotico: terribile verità per il figlio di 11 anni – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:51
(Websource / archivio)

Il figlio di Natalia Borodina, la 35enne turista russa morta durante un pericoloso gioco erotico in automobile, mentre si sporgeva col seno al vento dal finestrino e un’amica riprendeva la scena “goliardica” con un telefonino, non ha ancora appreso la terribile verità. Si chiama Ermak e ha undici anni. Stava trascorrendo con la mamma e Ivana Burachuck (poi arrestata per omicidio colposo) quella che doveva essere una spensierata vacanza nella Repubblica Dominicana, purtroppo finita in tragedia. L’ex marito della vittima, Alexandr Palagushkin, 37 anni, si sta ora battendo perché venga affidato a lui, anziché a uno squallido orfanotrofio russo. Il padre di Palagushkin, Boris, 58 anni, è un contrammiraglio della riserva navale di Vladimir Putin, il quale farà ovviamente pesare l’influenza del suo ruolo in questa battaglia. Che  non sarà comunque facile.

Nelle ultime ore è emerso un inedito retroscena (ma tutto da verificare): a quanto pare Borodina avrebbe lavorato come escort a Cannes prima di recarsi in vacanza nei Caraibi. Gli amici di lei negano la fondatezza di queste indiscrezioni, e pure l’ex marito Alexandr si dice all’oscuro di tutto. “Non ho idea di quello che faceva”, dice il 37 enne, docente universitario. “Se avessimo saputo che lavorava come escort le avremmo tolto il bambino da un pezzo. A m ha detto che aiutava in turisti russi a Cannes con le procedure per il visto. E io naturalmente le ho creduto”. Tant’è. Quanto sua madre è morta, Ermak si trovava con la zia Yulia Artemova (sorella di Natalia), 42 anni, nella città russa di Voronez. Ora qualcuno dovrà metterlo a conoscenza di quanto purtroppo accaduto.

EDS