Calci e schiaffi ai bimbi di prima elementare

prima elementare
(Fonte: Polizia di Stato)

Si chiama Fernando Cadicamo ed è un maestro delle elementari che sfogava tutta la propria violenza e frustrazione sui suoi poveri alunni di prima e seconda. Bimbi presi per le orecchie e trascinati, schiaffi, spintoni e calci. Erano questi i suoi metodi “educativi”. Il papà di uno dei bimbi coinvolti spiega: “Mio figlio tornava da scuola e mi parlava di questo maestro che se la prendeva soprattutto con una compagna. Poi anche con lui. Ha iniziato ad avere paura. I bambini avevano tutti paura di lui”.

Ora presso il tribunale di Treviso si sta svolgendo il processo al maestro violento che dovrà rispondere di maltrattamenti. In aule ieri decine di genitori hanno lasciato le loro testimonianze riferendo i racconti dei figli e ciò che vedevano coi propri occhi. A sostegno di tutte le accuse ci sono anche le immagini riprese dalle telecamere nascoste all’interno della scuola dalla polizia dopo che erano partite le prime segnalazioni sul comportamento del maestro violento. L’uomo insegnava alla scuola Primo Maggio di S. Bartolomeo a Treviso quando nel 2013 arrivarono le prima denunce. Incredibilmente, nonostante il supporto delle immagini video, il gip in un primo momento rifiuta la richiesta di misure cautelari. Nel frattempo il maestro 55enne cambia scuola, ma non cambiano i suoi metodi. Finalmente  il tribunale del Riesame ribalta la decisione del giudice per le indagini preliminari e sospende immediatamente l’insegnante.

Molte delle sue piccole vittime avevano vero e proprio terrore di andare a scuola. Alcuni vomitavano ogni mattina prima di entrare in classe, altri stavano male durante le lezioni. Una mamma racconta: “Ad un certo punto a mia figlia la scuola non piaceva più. Aveva degli atteggiamenti strani. Poi sono iniziati i racconti sul maestro, gli schiaffoni, le sgridate eccessive, i calci dati soprattutto ai maschietti”.

F.B.