Caso Weinstein, l’accusa di un’attrice italiana: “Io stuprata in hotel”

(Websource / archivio)

Il caso Weinstein si allarga a macchia d’olio. Secondo alcuni rumors, nelle scorse ore gli agenti americani avrebbero ascoltato una modella-attrice italiana che, come altre prima di lei, accusa il produttore di stupro. Per il momento non è stata rivelata l’identità della presunta vittima: si sa che ha 38 anni, stando a quanto riporta il Los Angeles Times. L’abuso sessuale in questione si sarebbe consumato nel 2013, mentre la modella-attrice stava prendendo parte all’ottava edizione del “Los Angeles-Italia Film, Fashion and Art Festival”. Martedì scorso la donna avrebbe contattato la Polizia per riferire quanto accaduto.  Sulla vicenda, intanto, scatta l’indagine della Polizia di Los Angeles.

“Ha cominciato a farmi delle domande – ha affermato nel suo colloquio con gli agenti – , ma presto è diventato molto aggressivo e ha iniziato a chiedermi di spogliarmi. Mi ha afferrato per i capelli e mi ha costretto a fare qualcosa che non volevo. Poi mi ha trascinato nel bagno e mi ha violentato”. La donna non ha voluto rivelare la sua identità per tutelare i suoi figli, ma ha indicato l’hotel in cui sarebbe avvenuta la violenza, il Beverly Hills Mr. C. “Mi sento responsabile per aver taciuto per anni – ha poi aggiunto l’attrice italiana – , per non aver reagito, per avergli aperto la porta della stanza e per non aver chiamato la Polizia”. Il caso, insomma, è ancora lungi dall’essere chiuso.

EDS