Renzi promette altri 80 euro poi attacca la Boldrini

(Websource / archivio)

Il caso Bankitalia, la mozione Pd che di fatto ha cercato di sbarrare la riconferma di Ignazio Visco alla guida di Palazzo Koch, ma anche un annuncio a sorpresa che dà il via alla campagna elettorale. Di tutto questo ha parlato Matteo Renzi a In Mezz’Ora. “La mozione su Bankitalia è stata concordata con Gentiloni? Sì, tanto è vero che ce l’ha fatta cambiare. È stata condivisa? Sì, il governo ha votato a favore”, ha scandito il segretario del Pd, per poi ribadire la dinamica di quanto accaduto nel frenetico pomeriggio in cui è stata presentata la mozione Dem: “È evidente che il governo sapesse il contenuto della mozione su Bankitalia, al punto che su alcuni passaggi il governo non era d’accordo. Il presidente del Consiglio mi ha telefonato per dirmi di modificare la mozione”. E ancora: “Il Parlamento ha discusso una mozione presentata da Cinque Stelle e altri gruppi hanno fatto proprie mozioni. Se c’è una mozione parlamentare non possono le anime belle dei commentatori dire che questo è un atto eversivo. Una mozione parlamentare non è mai un atto eversivo. Io credo che Gentiloni e io abbiamo saputo della mozione Pd nello stesso momento”.

Renzi si è quindi soffermato sulla nomina del nuovo governatore, che probabilmente arriverà in settimana: “Io non ho nomi – ha confessato – . Ho un profilo: vorrei che chiunque fosse scelto sarà il migliore o la migliore possibile. Se vogliono nominare Visco, lo facciano pure. L’importante è che sia una scelta laica”. Dopo di che il segretario Dem ha spostato l’attenzione sulla Presidente della Camera Laura Boldrini, provando a scaricare su di lei il caso Bankitalia: “Io quella mozione non l’avrei giudicata ammissibile se fossi stato il presidente della Camera, che non sono. Io rispetto le regole”, ha chiarito, rimarcando che “il diritto parlamentare non è interpretabile… Ma siccome è stata giudicata ammissibile non si può dire che la mozione del Pd è eversiva”. Nel corso dell’intervista con Lucia Annunziata c’è stato anche spazio per un nuovo annuncio rivolto agli elettori: “Per ogni figlio che hai, fino a che quello non compie 18 anni, avrai 80 euro al mese. Sarebbe una una cosa giusta”. La campagna del Pd, insomma, è a quanto pare già partita.

EDS