Terremoto, paura a Siracusa. Trema ancora la Sicilia

Terremoto, scossa a Siracusa
(Archivio/Websource)

Ancora paura per gli abitanti di una delle isoli maggiori del nostro Paese. E’ stata avvertita una nuova scossa di terremoto in mare a pochi chilometri dalla Costa siracusana. La magnitudo sarebbe di 3.0, secondo quanto rilevato dall’Ingv alle 21.11 di questa sera. La profondità del sisma è stata di 21 km ed è stato avvertito dalla popolazione risiedente nei piani alti delle case nel capoluogo Siracusa, ma anche ad Augusta e a Catania. Al momento non sono segnalati danni a persone o a cose.

Pochissimi giorni fa lo stesso spavento era toccato a coloro che si trovavano in provincia di Perugia, precisamente a Norcia. I sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia infatti hanno registrando una scossa di terremoto di magnitudo 3.4  alle 18.16 di venerdì scorso. L’epicentro è stato individuato a circa 3 chilometri a est della cittadina sopracitata a una profondità di circa 10 chilometri.
Soltanto il giorno prima, era stata rilevata un’altra scossa tra Umbria e Marche, a circa 8 km di profondità. Il sisma, con epicentro posto nel comune di Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata, ha avuto una magnitudo 3.3 della scala Richter.
La stessa isola siciliana era stata colpita da un altro evento sismico appena la settimana scorsa quando una scossa di discreta entità è stata avvertita a largo del Mar Ionio. Il terremoto, avvertito da tutta la popolazione del Siracusano, si era generato a largo della costa sicula con un ipocentro di 15 chilometri.
Anche la Calabria non è stata immune in questi giorni da simili eventi. Una forte scossa di terremoto è stata infatti registrata dai sismografi nei giorni scorsi al largo della costa calabrese, a poche decine di chilometri dalle località di Scalea, Diamante e Santa Maria del Cedro, in provincia di Cosenza.
Il sisma ha avuto una magnitudo 3.7 della Scala Richter è stato avvertito distintamente dalla popolazione. Fortunatamente senza che si siano registrati danni a persone o cose.
BC