Perugia, due scosse di terremoto nella notte

terremoto
(Websource/archivio)

Una scossa di terremoto è stata avvertita in Umbria questa notte poco prima dell’una. La magnitudo è stata di 2.9 e l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia comunica che l’ipocentro è stato individuato a 9 km di profondità, mentre l’epicentro risulta essere a 5 km dal comune di Campitello sul Clitunno ed a 6 km da Spoleto, a sud-est del capoluogo Perugia. Successivamente si è verificata una replica del terremoto, di intensità lievemente minore (magnitudo 2.3 sempre secondo quanto riportato dai dati dell’Ingv) nella stessa zona. Per il momento non si segnalano danni a cose o persone. Gli altri comuni umbri poco distanti all’interno del cui territorio il terremoto e la sua replica immediata sono stati avvertiti sono Sant’Anatolia di Narco, Vallo di Nera, Castel Ritaldi e Scheggino, tutti compresi in un raggio di 10 km di distanza.

Terremoto, scossa anche ad Accumoli in mattinata

Questa mattina, e precisamene alle ore 7:34, ancora un movimento tellurico si è verificato pure ad Accumoli, nella non distante provincia di Rieti. Pure in questo caso magnitudo assestata sul valore di 2,3 con ipocentro localizzato sugli 8 km di profondità. Accumoli era stato tra i comuni più colpiti dal terremoto dell’agosto 2016, che ancora vede parecchia gente vivere in condizioni di fortuna. Questo ha portato anche al verificarsi di proteste nei confronti delle istituzioni da parte degli sfollati. E sempre a proposito di terremoto, quanto successo in Messico il mese scorso, con il verificarsi del sisma più devastante di sempre nel paese centroamericano dal 1985 ad oggi, ha portato gli esperti a fare congetture ed ipotesi su dove potrebbe verificarsi un nuovo evento simile nel mondo (il quando è invece impossibile prevederlo). La zona più a rischio si trova in Cile, stando ad uno studio condotto unitamente da scienziati francesi e per l’appunto cileni. Lì nel 1960 venne registrata una magnitudo i 9.5, che ad oggi è considerata come la più elevata mai individuata prima in un terremoto.

S.L.