Albenga: disoccupato ruba al supermercato, i carabinieri gli pagano la merce

Carabinieri
(Websource/Archivio)

Un uomo sui settant’anni questa mattina ha fatto il suo ingresso in un supermercato di Albenga (Savona) con l’intento di rubare qualcosa da mettere sotto i denti. L’uomo, dall’aspetto evidentemente trasandato, sperava che nessuno notasse il suo gesto disperato, ma la vigilanza del supermercato si è subito insospettita quando lo ha visto entrare e ne ha seguito i movimenti fino al momento in cui ha messo in tasca una confezione di salame da pochi euro. Una volta fermato, gli addetti alla sicurezza hanno chiamato i Carabinieri per fare arrestare l’uomo.

Interrogato dai gendarmi, l’uomo si è scusato per il suo gesto e con la voce rotta dalle lacrime ha detto loro: “Non so come andare avanti e dopo aver interrotto la relazione con moglie e figli avevo bisogno di qualcosa da mettere sotto i denti. Sono senza lavoro e senza soldi”. I militari hanno compreso che le parole dell’uomo erano sincere, l’aspetto dell’uomo mostrava chiaramente che non si trattava del classico ladruncolo o di un cleptomane, quindi hanno parlato con il proprietario del locale per far sì che questo non sporgesse denuncia.

Riusciti nell’intento di non fare denunciare l’uomo, i Carabinieri hanno contattato la centrale ed hanno chiesto l’autorizzazione di poter pagare la merce all’uomo. Ottenuto il permesso, i due militari hanno organizzato una colletta ed hanno acquistato del cibo al settantenne che, colmo di gioia, li ha ringraziati tutti spiegandogli che si trattava del primo gesto di gentilezza ricevuto dopo un periodo duro. L’uomo infatti non ha un lavoro da diverso tempo e percepisce una pensione minima che non gli permette di comprare del cibo tutti i giorni. Inoltre è stato lasciato dalla moglie ed i figli, ormai tutti con famiglia a carico, non si interessano di sapere se è in difficoltà. Proprio la solitudine e la necessità lo hanno costretto ad un gesto che altrimenti non avrebbe mai compiuto.

F.S.