genitori morti

(Websource/archivio)

I genitori morti nel giro di due giorni fanno si che la vita delle giovanissime Simona e Sashka Duda diventi d’un tratto triste e difficilissima da sostenere. Le due sono sorelle, hanno rispettivamente 23 e 13 anni e vengono dalla Russia. E nel giro di 48 ore hanno dovuto attraversare due tremendi lutti, dapprima con la scomparsa del papà Luca, morto a causa di un letale quanto repentino attacco di cuore, e poi della loro mamma, che appena due giorni dopo è andata via per sempre per colpa di una aggressiva forma di cancro al pancreas. Adesso le due ragazze non hanno i soldi per pagare il funerale dei loro due genitori morti. E per cercare di fare qualcosa, il marito di Simona ha aperto una pagina di raccolta fondi online su ‘JustGiving’, dove in poco tempo e grazie alla generosità di anonimi benefattori toccati da questa triste vicenda, sono stati raccolti al momento circa 11mila e 200 euro.

Genitori morti a 48 ore di distanza, un dramma da non credere

L’uomo si chiama Steven e spiega che la moglie e la sorella adolescente hanno comunque una grande forza d’animo e non sono crollate, almeno non ancora, dinanzi a questo dramma che per certi versi risulta essere incredibile: “Siamo comunque molto scossi e servirà del tempo prima di renderci conto di come l’esistenza della nostra famiglia è cambiata. Ma amici, parenti e colleghi di lavoro non smettono di farci sentire il loro sostegno”. I genitori morti si chiamavano Luca ed Adriana, ed il loro genero scrive: “Luca era un vero gentiluomo che chiunque voleva bene. Era coraggioso, forte ed aveva sempre messo il bene della sua famiglia prima di ogni altra cosa. Per sua moglie e le due figlie avrebbe fatto qualsiasi cosa. Ed Adriana, la sua consorte, era una madre molto devota. Amava Luca così come Simona e Sashka”. Fa da contraltare a questa vicenda il traguardo dei 112 anni raggiunti da una arzilla vecchietta dalle nostre parti.

S.L.