(Websource / archivio)

Ucciso a coltellate mentre fuggiva da una banda di teppisti che avevano preso d’assalto la sua auto, una Renault Clio grigia: questa è stata la tragica fine di Kyle Yule, un 17enne barbaramente ucciso a East Street, Gillingham, nella contea inglese del Kent, lo scorso venerdì sera. Un ragazzo che tutti descrivono come buono, pacato, sempre disponibile con tutti. E soprattutto, con tutta la vita ancora davanti a sé. Nelle scorse ore la Polizia del Kent ha arrestato un ragazzo di 15 anni con l’accusa di omicidio.

Dopo l’aggressione avvenuta intorno alle 20.10 (ora locale), il giovane studente della Brompton Academy di Gillingham era strato trasportato d’urgenza in ospedale, ma di lì a poco è morto. L’automobile, invece, è stata spostata e poi ritrovata parcheggiata da un’altra parte, a Cleveland Road. In attesa che si faccia chiarezza sulla dinamica e sulle responsabilità del brutale omicidio – a tale scopo gli agenti invitano chiunque sia in possesso di informazioni utili a collaborare – , gli amici di Kyle hanno inondato i social media di messaggi di cordoglio, affetto e vicinanza si suoi familiari. “Ci mancherai tantissimo – si legge in uno degli innumerevoli post – . E’ ingiusto che tu abbia fatto questa fine. Che morte assurda!”. Già, proprio così.

EDS