GUARDA VIDEO

Erano le due di notte quando la Fiat 600 guidata da Simone Brusarosco, venticinquenne vicentino, ha cominciato a balbettare fermandosi poco dopo al centro della carreggiata della A4 direzione Brescia centro. Il giovane stava facendo ritorno a casa ed aveva appena imboccato il tratto autostradale e, purtroppo, quel guasto gli è stato fatale: non appena la macchina si è fermata, un’altra che sopraggiungeva a grande velocità l’ha colpita in pieno facendola ribaltare.

Il violento urto è stato notato da un camionista che stava sopraggiungendo, l’uomo ha capito subito che si trattava di un incidente grave, così ha messo il suo mezzo di traverso per evitare che altre auto acuissero il bilancio del sinistro. La prontezza di riflessi del camionista ha permesso che nessun’altra auto tamponasse quelle rimaste sulla carreggiata, nel frattempo sono arrivati i soccorsi. I vigili del fuoco hanno provveduto ad estrarre Simone dalle lamiere per permettere agli operatori del 118 di intervenire. L’intervento dei soccorritori, per quanto tempestivo, si è rivelato vano: il venticinquenne vicentino, infatti, era già morto ed a nulla sono servite le manovre di soccorso.

Se per Simone non c’è stato nulla da fare, i tre passeggeri della Volkswagen Golf sono stati invece trasportati in ospedale per ricevere le cure del caso (pare che solo uno di loro sia in condizioni preoccupanti). Sul luogo sono intervenuti anche gli agenti della polizia stradale che si sono occupati di fare i rilevamenti e di ricostruire la dinamica dell’accaduto. L’incidente si è verificato a poche ore di distanza da quello, occorso sempre sulla A4, che ha causato un blocco del traffico durato diverse ore ad altezza dell’uscita Vicenza Ovest: un tir, per motivi ancora da chiarire, si è ribaltato diverse volte finendo alla fine fuori strada e lasciando una scia di detriti. Il conducente del mezzo si trova tuttora ricoverato in ospedale in gravi condizioni.

F.S.