Ilaria

(Websource/Archivio)

La scomparsa prematura di Ilaria Beretta, donna di 48 anni morta in seguito ad un operazione oncologica, ha distrutto la sua famiglia. I familiari della donna ritengono che la colpa del suo prematuro decesso sia da attribuire all’equipe che si è occupata dell’intervento. In seguito alla comunicazione della morte di Ilaria (deceduta due giorni dopo l’operazione subita), infatti, la famiglia non ha perso tempo ed ha presentato una denuncia nei confronti dell’ospedale Cisanello.

Il caso è quindi passato all’attenzione della procura di Pisa che ha stabilito primariamente l’esame autoptico sul cadavere di Ilaria e secondariamente l’iscrizione nel registro degli indagati di 14 dipendenti della struttura ospedaliera della città toscana con l’accusa di omicidio colposo: si tratta dei medici e degli infermieri dei reparti rianimazione e chirurgia toracica che si sono occupati dell’operazione e che ne hanno seguito il decorso.

La decisione della procura di Pisa di indagare lo staff non implica che si siano prove di colpevolezza da parte di medici ed infermieri: gli inquirenti, infatti, hanno spiegato che si tratta di un atto necessario per permettere agli indagati di nominare medici legali ed avvocati in vista dell’autopsia sul corpo di Ilaria che verrà effettuata lunedì prossimo. Solo dopo il risultati dell’esame autoptico i familiari potranno procedere alla cremazione, temporaneamente sospesa dal magistrato per stabilire una volta per tutte la causa del decesso della donna.

Se l’autopsia accerterà che la morte è stata causata da un’errore medico (durante l’operazione o nei giorni successivi) l’ospedale sarà costretto a versare un risarcimento alla famiglia della vittima come successo in un caso simile lo scorso 13 settembre: in quella occasione era morto, dopo un intervento chirurgico, un uomo di 55 anni e dopo che l’autopsia ha confermato che la morte è stata causata da un errore medico, il tribunale di Vicenza ha sentenziato che l’Ulss 4 Alto Vicentino deve corrispondere ai familiari un risarcimento pari a un milione di euro.

F.S.