Torino: bambino accusa un malore in metro, politico presta soccorso

Bambino accusa un malore
(Websource/Archivio)

Alcuni addetti della metropolitana di Torino hanno raccontato un episodio di grande umanità da parte di una passante: un bambino di 8 anni in compagnia della sorella di 11 girava per la metropolitana (senza la compagnia di un adulto) e si è sentito male. Ecco che mentre uno degli addetti presta soccorso una donna si avvicina per offrire il suo aiuto: “Un bimbo si è sentito male in metropolitana, ed una signora gentile si è avvicinata per sapere se poteva essere in qualche modo d’aiuto: era la sindaca Chiara Appendino”, dice l’uomo.

L’addetto alla sicurezza della stazione Principe d’Acaja spiega che l’episodio si è verificato giorno 11 novembre intorno alle ore 19. Lui ed un suo collega avevano poco prima notato che i due bambini vagavano per la stazione e per comprendere cosa ci facessero in quel luogo senza un adulto che li accompagnasse li avevano fermati, ma poco dopo il bambino si è accasciato a terra senza preavviso, così i due hanno chiamato l’ambulanza e cercato di farlo rinvenire.

Proprio in quell’istante, la donna si è fermata a chiedere se ci fosse bisogno di aiuto, l’addetto ha spiegato che erano già stati chiamati i soccorsi, ma si è comunque girato per ringraziare ed in quel momento si è accorto che si trattava della sindaca. L’altro collega racconta come sia rimasto sorpreso dalla gentilezza della Appendino: “La sindaca è stata gentilissima e molto disponibile. Era con il marito e la figlia e ci ha chiesto subito se doveva chiamare un’ambulanza”.

L’episodio si è concluso per il meglio, dopo 40 minuti di apprensione, infatti, sono arrivati gli operatori del 118 che hanno fatto riprendere completamente il bambino (probabilmente un malessere dovuto ad un calo di zuccheri). Solo quanto tutto era concluso la sindaca e la sua famiglia se ne sono andati, contenti per il lieto fine della vicenda.

F.S.