Tavecchio insiste: “Sono 4 giorni che non dormo, Ventura neanche lo volevo”

Tavecchio
(Websource/archivio)

L’intervista di Carlo Tavecchio che andrà in onda in maniera integrale domani a Le Iene sta già facendo molto discutere. Il presidente federale è apparso molto provato e in lacrime e con la voce rotta dalla commozione ha cercato di spiegare le sue ragioni: “La debacle è tecnica, la scelta tecnica sbagliata della formazione. Devo dirlo per forza. Chi lo ha scelto? L’ho scelto io. Non sono stressato, ma sono quattro giorni che non dormo. Abbiamo giocato male, cross alti con gente alta 1.90 m. Dovevamo giocare con i piccoletti che stavano in panchina.

“L’ho scelto io l’allenatore. Ma l’ho scelto in un momento dove l’offerta era quella – aggiunge Tavecchio -. Conte aveva lasciato, era andato al Chelsea. Erano rimasti sul mercato Ventura, De Biasi, Montella. Ho scelto tenendo conto anche delle indicazioni dei più importanti giocatori. Non è che ho scelto solo, esclusivamente. Quando si è posto il bouquet di offerte, sono andato a parlare anche con i giocatori. Dico una cosa che non ho detto mai: la prima scelta mia era Donadoni. Purtroppo il presidente Saputo si è opposto a questa situazione, perché io Donadoni lo conoscevo bene dal passato”.

Nel frattempo Tavecchio ha dovuto incassare il no di Ancelotti e ora si dovrà dare da fare per trovare l’uomo giusto da mettere alla guida della Nazionale. Altri errori non possiamo più permetterceli.