Bangladesh: sacerdote rapito alla vigilia della visita del Papa

Walter William Rozario
Walter William Rozario (foto dal web)

Un altro sacerdote rapito e il caso ricorda quello del gesuita italiano Paolo Dall’Oglio, rapito il 29 luglio 2013 nella città siriana di Raqqa, una delle roccaforti dei jihadisti dello Stato Islamico. In Bangladesh, da due giorni, non si hanno notizie di padre Walter William Rozario, di 41 anni, preside del liceo st. Louis e assistente parroco a Borni, diocesi di Rajshashi, nel nord del Bangladesh. La sparizione del sacerdote avviene a qualche ora dall’arrivo nel Paese asiatico di Papa Francesco, previsto per la giornata di domani. Ne danno notizia diverse agenzie di stampa cattoliche.

Ad Asia News le parole del sacerdote titolare della sua parrocchia, Subroto Purification: “Era andato alla chiesa di Bonpara, per poi fermarsi al mercato per alcune pubblicazioni e altre mansioni per la parrocchia, ma non è tornato e il suo telefono era spento. Siamo molto preoccupati per lui, e preghiamo solo per il suo ritorno in buone condizioni”. Il sacerdote ha proseguito: “Ora sono alla polizia per chiedere aiuto. Vogliamo che il mio assistente venga restituito al più presto. Volevano 300mila taka [quasi 3mila euro, ndr] per il suo rilascio. Stiamo collaborando con la polizia”.

Nella stessa zona, in passato erano avvenuti degli omicidi di cattolici e sotto accusa era finito un gruppo integralista islamico. Un poliziotto cattolico ha riferito riguardo il rapimento di padre Walter William Rozario: “Penso che il rapimento di p. Walter sia una congiura perché papa Francesco verrà in Bangladesh domani”. Premol Rozario, fratello maggiore del sacerdote rapito, è sconvolto dalla notizia: “Quando abbiamo avuto notizia della sua scomparsa abbiamo cercato in tutti gli ospedali, ovunque, ma non lo abbiamo trovato. Non riusciamo a dormire per la preoccupazione”. In molti sono preoccupati, anche in virtù della sicurezza in occasione della visita del Pontefice.

 

GM

.