Critiche a Masterchef. Joe Bastianich: “Campobasso è un posto sfigato”

(Websource/archivio)

“Campobasso? Dov’è Campobasso? Mi sembra un posto sfigato”. Questa la frase finita sotto la critica dei social e di una regione intera, detta da Joseph Bastianich (49), detto Joe, imprenditore e personaggio televisivo statunitense, di origine italiana e attuale giudice della trasmissione trasmessa su Sky, Masterchef. Parole con cui è finito nell’occhio del ciclone dopo l’ultima puntata del fortunato show televisivo andato in onda ieri sera in prima serata. Di fatto, nel momento della “Mistery Box”, Bastianich ha iniziato a fare il giro delle postazioni cercando di far conoscere al pubblico i nuovi concorrenti. Nel momento in cui però, si è fermato a parlate con Joayda, donna 31enne venuta dalla Repubblica Domenicana, le ha chiesto qualche informazione privata in più, compresa la sua attuale residenza e dopo aver saputo che la ragazza vive a Campobasso insieme al marito, l’esperto Joe ha espresso, forse istintivamente, forse non capendo nella nostra lingua la gravità delle parole, pronunciando la frase sopra citata. Un attimo di gelo nello studio, occhi sgranati dalla 31enne che l’ha definita come sua città adottiva citando tutte le virtù del centro molisano ma dichiarando che il suo compagno non le aveva detto dove fosse prima del trasferimento ma che in molti gli hanno fatto notare quanto strana sia stata la sua scelta.

La frase dunque, non è passata assolutamente inosservata e particolarmente su Twitter, è scoppiata un’accesa polemica per la frase infelice detta dal vip. C’è anche chi ha dichiarato che la polemica è stata creata ad arte per far parlare del programma. L’ultima iniziativa però, è stata presa del sindaco di Campobasso, il primo cittadino Antonio Battista che ha diffuso su Facebook un invito al re della ristorazione: “Signor Joe Bastianich, sono il sindaco della Città di Campobasso. Dopo la sua ultima affermazione sulla Città, non posso non invitarla a Campobasso, in Molise, per una reale conoscenza del territorio, delle persone e della nostra cucina. Mi faccia sapere la sua disponibilità”.

GVR