Autostrade A24 e A25, disagi per lo sciopero nazionale

Confermato lo sciopero sulle autostrade del personale addetto. Anche la A24 e la A25 aderiscono e il gestore spiega come funzionerà il pedaggio.

Dopo il no dei sindacati confermato poche ore fa, sono in arrivo pesanti disagi sulle autostrade mercoledì 24 luglio. E non fanno eccezione anche le autostrade A24 (Roma–L’Aquila–Teramo) e A25 (Torano–Pescara). La causa è lo sciopero del personale nelle ultime 4 ore del turno per il gli addetti agli impianti, alla sala radio e alla viabilità. Per un intero turno invece il rimanente personale, tra cui anche gli addetti ai caselli.

Così la concessionaria autostradale “Strada dei Parchi” che gestisce le autostrade A24 e A25 ha allertato gli automobilisti. Le modalità di adesione allo sciopero per il personale addetto a impianti, Sala Radio e Viabilità sono in diverse fasce orarie, In particolare dalle 2 alle 6, dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 22 di mercoledì 24 luglio. Invece gli addetti ai caselli saranno assenti per tutta la giornata.

Cosa significa questo in concreto sulle autostrade A24 e A25? Nelle ore dello sciopero potranno essere chiusi i varchi del casello con pagamento solo manuale, per l’assenza degli addetti alla riscossione. Sarà comunque facile riconoscere le postazioni chiuse perché indicate da un semaforo rosso. Inoltre l’accesso sarà impedito dalla speciale asta che chiude la pista.

Leggi anche: Autostrade, ecco tutti gli aumenti a partire da gennaio 2018

Autostrade, come funziona il pagamento del pedaggio su AS24 e A25

Questo non significa però che il pedaggio non è da pagare. Gli utenti dotati di Telepass o altre carte non avranno problemi. Quelli invece che devono passare dal casello manuale potranno farlo ai varchi con cassa automatica, indicati dal semaforo verde. Il pagamento si effettua sia in contanti, con le macchinette che danno il resto, sia con Bancomat, Postamat, carta di credito e Viacard.

Sulle autostrade A24 e A25 nonostante lo sciopero saranno garantiti i regolari servizi di assistenza e il funzionamento degli impianti automatici. Questo perché il pagamento del pedaggio che è dovuto per legge.

Ricordiamo che lo stop delle autostrade si inserisce nella giornata di sciopero nazionale dei trasporti. É stato proclamato unitariamente da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti. Lo scopo è quello di stimolare il Governo ad avviare un confronto sul settore dei trasporti che prenda in esame tutte le problematiche ancora aperte.

F.D.