Vittoria della Roma nell’amichevole di prestigio contro il Real Madrid all’Olimpico. Dzeko a segno ma potrebbe essere stata la sua ultima in giallorosso.

Forse non è ancora la Roma che si aspettava Fonseca, ma intanto batte il Real Madrid ai rigori e mette fiducia nel suo motore. L’amichevole di lusso all’Olimpico contro la squadra di Zidane finisce tra molti sorrisi e qualche punto interrogativo. Come quello sul futuro di Edin Dzeko, applaudito da molti ma con qualche fischio e che in settimana potrebbe passare all’Inter.

La Roma parte con le idee classiche del suo tecnico già ampiamente mostrate allo Shakhtar Donetsk. Dietro a Dzeko, punta unica, tre come Under, Zaniolo e Perotti, che offendono e coprono al tempo stesso aiutando i due in mediana. Fin dall’inizio ritmi altissimi ma anche difese spesso prese in velocità. Così fioccano le occasioni e per i primi quindici minuti si vedono quasi soltanto i giallorossi.

Come spesso capita, alla prima occasione i big però non sbagliano. Marcelo riceve palla al limite sulla sinistra, si accentra e di destro gira sul secondo palo battendo Lopez. Una beffa che non abbatte la Roma. Dzeko sfiora il pari e al 34′ la rete di Perotti è anche il marchio di fabbrica di Fonseca. Ripartenza velocissima di Zaniolo, palla al bacio per l’argentino che deve solo finalizzare in porta. Prima di chiudere il tempo però altri due gol. Real di nuovo avanti con Casemiro di testa, ma in fuorigioco netto (non visto e non c’era la VAR). E altro pari grazie a Dzeko che con un destro al volo batte Courtois.

Leggi anche: Roma, Fonseca: “Dzeko è fondamentale, aspetto un difensore”

Ai rigori vince la Roma, tanti indizi di mercato

Il secondo tempo vale relativamente. Zidane, che domenica prossima debutterà nella Liga a Vigo contro il Celta, trasforma il Real in laboratorio. Ad un certo punto è in campo con 4 punte e due centrocampisti offensivi, giusto per far capire che di amichevole pur sempre si tratta. I ritmi si abbassano, i ricambi non offrono lo stesso spettacolo e il caldo fa il resto. Così arrivano i rigori: segno tutti tranne Marcelo che all’ultimo prende la traversa.

Ora toccherà al mercato fare il resto. I tifosi romanisti fanno il tifo per Dzeko, o per un’alternativa credibile, le piste portano a Milik, se il Napoli lo farà fuori, oppure a Higuain che resta un sogno. In casa Real invece James Rodriguez non è stato convocato. Un segnale chiaro per il Napoli, ma anche per l’Atletico Madrid che lo contende.

IL TABELLINO

ROMA-REAL MADRID 7-6 dcr (2-2)

Reti: 16′ Marcelo, 34′ Perotti, 39′ Casemiro, 40′ Dzeko.

Roma (4-2-3-1): Lopez; Florenzi (62′ Spinazzola), Fazio, Jesus, Kolarov; Cristante, Pellegrini (62′ Diawara); Under, Zaniolo (75′ Antonucci), Perotti (66′ Kluivert); Dzeko (75′ Schick). All.: Fonseca.

Real Madrid (3-5-2): Courtois; Eder Militao, Varane, Nacho (46′ Jovic); Carvajal (60′ Odriozola), Modric, Casemiro (60′ Kroos), Valverde (46′ Vinicius), Marcelo; Hazard (70′ Isco), Benzema (60′ Bale). All.: Zidane.