Formula 1: Leclerc fenomeno a Monza, le Mercedes si arrendono

A nove anni distanza da Alonso, la Ferrari torna a vincere in Formula 1 a Monza grazie a Charles Leclerc. Gara appassionante vinta con la testa e con il cuore.

Formula 1: Charles Leclerc si prende Monza e di fatto conquista anche la Ferrari. Nella giornata della resa definitiva di Sebastian Vettel, mestamente tredicesimo al traguardo dopo un errore commesso da solo, il 21enne monegasco completa il suo weekend perfetto. E vince la seconda gara di fila, dimostrando che dal prossimo anno tutti a cominciare da Hamilton faranno relmemnte i conti con lui.

Partiva in pole, Leclerc, e alla prima chicane era già in testa ma le due Mercedes gli sono rimaste incollate per tutta la gara. Hamiton e Bottas alle calcagna, Vettel poco più indietro per i primi cinque giri. Al sesto però il tedesco alla Ascari è andato in testa-coda commettendo un errore. Nel rientrare ha ostacolato Stroll danneggiando l’ala interiore e rimediando anche dieci secondi di penalità da scontare ai box. Come a dire gara finita lì.

Non così invece per l’altro ferrarista che per 53 giri ha avuto due mastini a braccarlo e non ha mollato mai. Quando Hamilton ha provato a passarlo ha tenuto il piede sull’acceleratore costringendolo ad andare lungo. Poi un piccolo errore alla prima variante: l’ha tagliata, ma senza penalità, perché per una volta la giuria ha deciso di far vivere la gara in pista e non ai monitor.

Nel finale mossa della disperazione in Mercedes. Bottas è arrivato sotto al compagno, Hamilton è arrivato lungo ma l’avrebbe comuqnue fatto passare. Il finnico però ha trovato anche lui la porta sbarrata perché la velocità della Ferrari nei tratti veloci ha fatto la differenza, come a Spa. Così sotto la bandiera a scacchi, il delirio. Di Leclerc e del pubblico, che ha esaltato a lungo anche Mattia Binotto, tornato da due gare ad essere un mago del muretto oltre che dei motori.

Leggi anche: Formula 1: Charles Leclerc chi è, storia di un predestinato

Charles Leclerc esulta: “Negli ultimi giri il pubblico mi ha caricato”

Charles Leclerc ha riportato la Ferrari a vincere a Monza nove anni dopo Fernando Alonso. A fine gara ha parlato così a Sky Sport: “Non mi sono mai stancato così in una gara, ma è assolutamente incredibile. Non ci sono parole per descrtivere queste sensazioni. Oggi è stato molto difficile, le due Mercedes hanno fatto una strategia corretta, ma anche noi. Sono riuscito a tenerli dietro, è stato tutto bellissimo. Negli ultimi sette-otto giri ho capito che ce la potevamo fare. A due giri dalla fine ho visto tutta la gente che si agitava e ho capito. Binotto? Quanto successo ieri è stato visto nel modo sbagliato. Non credo di aver fatto niente di male, non è stato fatto apposta”.

Sebastian Vettel ha poco voglia di parflare e risponde in inglese, brutto segno: “Non sono contento di me stesso, ho perso il posteriore entrando in curva e dopo la gara era compromessa. Ho faticato a ripartire e quindi non ho visto passare Stroll. Dopo le prove? Ero di buon umore, non credo che abbia influito su quello che poi è successo in gara”.

Alla fine invece Lewis Hamilton sorride: “Battaglia lunga, non tanto movimentata, sono sempre rimasto lì sotto ma lui era troppo veloce in rettilineo, impossibile passarlo. A fine gara le gomme stavano finendo, Valtteri era più veloce di me e sarebbe stato comunque più giusto farlo passare per provare almeno a vincere la gara”.

In classifica generale ora Hamilton ha 284 punti contro i 221 di Bottas, i 185 di Verstappen e i 182 di Leclerc mentre Vettel è stato scavalcato e rimane a 169. Mercedes a 505 con ampio margine sulla Ferrari, a 351 , e Red Bull a quota 266. Prossimo appuntamento a Singapore tra due settimane, seguito il weekend successivo da quello russo di Sochi.