Chi è Gianfranco Micciché, uno degli ospiti a Non è l’Arena del 6 ottobre

Chi è Gianfranco Micciché, uno degli ospiti a Non è l’Arena del 6 ottobre ottobre. Il Presidente dell’Assemblea Siciliana replicherà a Massimo Giletti.

Chi è Gianfranco Micciché, tra gli ospiti nella nuova puntata di Non è l’Arena questa sera su La 7. Dopo lo scambio di frecciatine della settimana scorsa con Massimo Giletti, il noto politico di Forza Italia torna protagonista. Da quasi due anni è Presidente dell’Assemblea Regionale Sicilian, ma la sua è una lunga militanza in politica.

Gianfranco Micciché arriva da una famiglia importante di Palermo. Il padre è stato vicedirettore generale del Banco di Sicilia, suo fratello Gaetano è presidente di Banca IMI ma anche della Lega di Serie A. Classe ’54, ha cominciato come dirigente d’azienda e poi nel 1984 è diventato direttore della sede regionale di Publitalia ’80 in Sicilia.

Un primo contatto con Silvio Berlusconi che poi ha segato la sua carriera politica. Nel 1993 infatti lo stesso Berlusconi gli ha dato l’incarico  l’incarico di coordinatore regionale in Sicilia per Forza Italia. L’anno successivo è stato anche eletto deputato diventando sottosegretario  al Ministero dei trasporti. Ad inizio del nuovo secolo è vice ministro dell’economia e delle finanze con delega allo sviluppo del Mezzogiorno. E nel maggio 2005, con il terzo Governo Berlusconi III, è nominato Ministro per lo sviluppo e la coesione territoriale

Il 29 giugno del 2006 è stato eletto una prima volta Presidente dell’Assemblea regionale siciliana, poi è entrato nel Partito delle Libertà. Altra nomina importante nel 2008
come Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri. Poi in tempi più recenti, nel 2012, scarica di fatto Berlusconi, allontanandosi dalle sue visioni politiche. Ma è solo una pausa, perché dopo aver fondato Grande Sud, nel 2013 fa rientro in Forza Italia.

Leggi anche: Il sottosegretario Micciché sul Gay Pride: “Manifestazione schierata, non ci vado”

Chi è Gianfranco Micciché, da Forza Italia alla Regione Sicilia

Il resto per Gaetano Micciché è storia più recente. Il 16 dicembre 2017 viene eletto Presidente dell’Assemblea regionale siciliana con 39 voti su 70. Ma l’anno successivo è anche eletto eurodeputato e molla il seggio solo dopo la sentenza della Corte di Cassazione, per incompatibilità.

Questa sera a Non è l’Arena per lui uno spazio grazie all’intervista di una ex collega di partito. Sarà infatti Nunzia Di Girolamo, ormai uscita dal parlamento, a fargli alcune domande anche per spiegare la situazioen reale della sua Sicilia. In settimana Micciché ha inviato a Massimo Giletti una copia de ‘Il Gattopardo’ di Tomasi di Lampedusa. Una prima risposta dopo le frasi del giornalista e conduttore che una settimana fa lo aveva accusato di npon voler cambiare nulla, nonostante le belle parole.

Oggi dalle pagine de ‘La Sicilia’, un primo affondo: “La Sicilia di oggi, anche grazie alla parte buona della sua classe dirigente, è molto cambiata. Erano 27.000 i dipendenti regionali ma oggi sono 11.000! Erano 3.000 i forestali ma oggi sono 700, erano 20.000 i precari ma oggi quasi non ce ne sono più. Continuiamo a sentire che paghiamo molti più vitalizi delle altre Regioni! Ma i deputati regionali prima erano 90 e li abbiamo ridotti a 70 e inoltre la Regione Siciliana esiste dal 1947 mentre le altre Regioni dal 1970 (23 anni in più di vitalizi da erogare)”, ha scritto. Il resto lo spiegherà a Non è l’Arena.