Terremoto Albania, bambino estratto dalle macerie – VIDEO

Un violento terremoto ha terrorizzato l’Albania, infatti si è verificata una scossa dal magnitudo 6.5, morti, feriti e dispersi. Recuperato un bambino in lacrime

Un terribile terremoto ha svegliato nel segno del terrore i cittadini albanesi questa mattina. Infatti intorno alle ore 02:54 ora locale (le 3:54 in Italia), la terra ha iniziato a tremare sulle coste settentrionali della nazione albanese. La scosta non è stata debole, anzi, una delle più violente della storia del paese. L’epicentro del sisma è stato registrato a Durazzo. Ma la scossa ha assunto un’intensità tale da essere sentita fino a Tirana, capitale del paese. Per il panico la gente è scesa tra le strade, anche per mettersi al riparo dai palazzi pericolanti.

Secondo quanto riportato dall’INGV (Istituto Nazionale di Geofisica e di Vulcanologia), il sisma ha toccato il grado 6.5  della scala Richter e le sue coordinate geografiche sono latitudine 41.37, longitudine 19.47, ad una profondità di ipocentro di circa 10 km.

LEGGI ANCHE: Terremoto Albania: avvertito nel Sud Italia, video e commenti

Terremoto Albania, il bimbo estratto dalle macerie

Il bollettino dei danni agli edifici è preoccupante, ma quello apportato alle persone è terrificante. Si parla di è di 18 morti e di circa 600 feriti, secondo il ministero della Salute albanese. Le autorità hanno mobilitato 300 militari e circa 1.900 poliziotti affinché si limitino i danni e si presti regolare soccorso a chiunque ne avesse bisogno.

Proprio oggi, nella ricerca disperata di salvare la gente dalle macerie – dati i tantissimi edifici crollati – è stato salvato un bambino. Le riprese del salvataggio sono strazianti ed il bambino in lacrime.

https://twitter.com/PCapitano2/status/1199222570530332672

Nelle prime ore del mattino, anche in Italia sono iniziate a girare le prime immagini del sisma. In queste ore sui social stanno iniziando a spuntare i primi video e commenti sul sisma albanese, tra chi riporta immagini direttamente da Durazzo, e chi invece si fa testimone dell’avvertimento al Sud Italia.