Coronavirus Bologna, cluster Bartolini: decine di positivi

Cluster di Coronavirus alla Bartolini di Bologna, ci sarebbero decine di positivi: l’allarme lanciato da alcuni dipendenti e dal sindacato.

(screenshot video)

Ci sarebbero decine di positivi, oltre quaranta secondo alcuni dati diffusi, per un cluster di Coronavirus a Bologna, precisamente al magazzino Brt Roveri, che è stato preventivamente chiuso. Non si conosce l’esatta portata di quello che potrebbe diventare un nuovo focolaio. Sono stati a quanto pare gli stessi dipendenti Bartolini i primi a lanciare l’allarme. Questi, infatti, sarebbero venuti a conoscenza della positività di alcuni loro colleghi. Ora i sindacati e in testa il Si Cobas, che aveva anche proclamato uno sciopero aziendale a metà giugno, chiedono provvedimenti urgenti.

Leggi anche –> Incidente frontale auto-camion: donna morta a Catania

Bartolini Bologna, preoccupazione per cluster Coronavirus

Il sindacato della logistica ha chiesto la chiusura per 15 giorni e il tampone per gli operai dell’azienda, parlando di 17 contagi su 168 dipendenti. Quindi, il 10% dei dipendenti sarebbe già risultato positivo al tampone. Ma si tratta di un numero destinato a salire. Stando ai dati regionali di ieri, in Emilia Romagna ci sono stati in tutto 44 positivi. Di questi casi, 33 sono asintomatici e individuati attraverso lo screening messo in atto dalla Regione. Un paio di giorni fa, per la prima volta, l’assessore alla Sanità, Raffaele Donini, aveva riferito di due cluster, uno a Bologna e uno a Casalecchio di Reno.

Dei casi individuati alla Bartolini, sembra che solo uno presenti i sintomi del virus, mentre altre decine di dipendenti, 44 secondo quanto riportato, sarebbero asintomatici. La preoccupazione in queste ore è che quello che al momento risulta essere appunto solo un cluster, ovvero una serie di contagi a grappolo ma non potenzialmente pericolosi, si possa trasformare in un vero e proprio focolaio. Il contagio, infatti, potrebbe essere uscito dal magazzino Bartolini ed essersi diffuso ad altri comparti dell’azienda.

Leggi anche –> Ken Snow, ex attaccante degli Usa, morto a causa del Coronavirus