Enzo Ferrari: il record di velocità imbattuto dal 1953 con una Ferrari “senza ruote”

Chi ha avuto la possibilità di guidare una Ferrari non potrà più dimenticarlo, ma non solo di automobili stiamo parlando.

La casa Ferrari ha prodotto e produce le più iconiche auto sportive sin dal 1947. Il nome è sinonimo di velocità, lusso e design. Ma i sogni di  Enzo Ferrari non si fermavano alle quattroruote. Nato a Modena nel 1898, cominciò a correre nel 1920 con Alfa Romeo. Dopo il ritiro dalle corse Ferrari diede vita, nel 1947, alla scuderia omonima. Il resto è storia.

Ferrari
Enzo Ferrari , Clay Regazzoni e Niki Lauda (instagram)

Ferrari era un visionario ed era attratto dalle sfide. Nel 1953 il campione di motonautica Achille Castoldi decise di tentare il record di velocità sull’acqua e commissionò ai Cantieri Timossi sul lago di Como l’imbarcazione con la quale tentare l’impresa.

Leggi anche -> Michael Schumacher: finalmente in anteprima quello che tutti i tifosi aspettavano

Nacque così l‘Arno XI un idroplano di legno ed alluminio realizzato  in un unico esemplare. Per il motore Castoldi pensò a Ferrari. Infatti, fu montato un Ferrari 375 F1. Ma il Drake, saputo dell’impresa che Castoldi si apprestava a tentare, inviò i suoi ingegneri per rendere il motore ancora più potente.

Arno XI durante il record d
Arno XI durante il record del 1953 (Instagram)

Il 15 ottobre 1953, sul lago d’Iseo,  Achille Castoldi sull’Arno XI raggiunse la velocità di 241,71 km/h sul chilometro lanciato. A distanza di quasi settant’anni il record non è stato ancora superato.

Leggi anche -> Marcell Jacobs dice no a Ballando con le Stelle: Milly Carlucci ci rimane malissimo

L’Arno XI oggi

Questo esemplare unico è stato battuto all’asta nel 2012 per 868.000 euro ed è ora di nuovo in vendita come testimonia il suo inserimento nel DuPont Registry, catalogo pubblicitario di luxury cars, yacht ed altri giocattolini del genere.

Arno XI
L’Arno XI oggi (Instagram)

Leggi anche -> In Italia è Padel mania: cos’è e come iniziare a giocare

Il prezzo non è stato pubblicato, ma si sa, parlare di denaro in certi ambienti altolocati è volgare, di cattivo gusto. Del resto, chi può permettersi oggettini del genere non guarda il cartellino. Noblesse oblige.