Alvaro Vitali: il “Pierino” nazionale affetto da una grave malattia | Rischia la vita tutti i giorni

Il grande pubblico lo ricorda con la sua risata irriverente in decine di commedie, solo guardarlo trasmetteva allegria. Ma ora invece, tutto è cambiato ed il comico non se la passa benissimo.

Alvaro Vitali nasce a Roma nel 1950. Mentre lavorava come elettricista, sostiene un provino per Federico Fellini. Il provino andò bene e il grande regista premio Oscar gli diede una parte in Fellini Satyricon e poi recitò anche ne I clowns del 1971, Roma del 1972, e infine in  Amarcord del 1973.

Alvaro Vitali all'epoca del successo
Alvaro Vitali all’epoca del successo (Instagram)

Il successo nel cinema

Ma non è il grande cinema d’autore a regalargli il grande successo popolare, ma la commedia scollacciata all’italiana.

Dapprima ebbe ruoli di contorno in film in cui i protagonisti erano personaggi come Lino Banfi, Renzo Montagnani ed altri colossi del cabaret italiano.

Ben presto però Pierino, il personaggio da lui interpretato, protagonista di un filone di barzellette più o meno sconce, conquistò il pubblico e divenne il protagonista di un filone di film con Vitali come protagonista. Alcuni titoli di suoi film: La dottoressa sotto il lenzuoloLa professoressa di scienze naturaliLa dottoressa del distretto militareSpogliamoci così, senza pudor…La vergine, il toro e il capricornoLa soldatessa alla visita militareL’insegnante va in collegio

Il successo cinematografico però terminò intorno agli Novanta. Fu “Striscia la Notizia” a tirarlo fuori dal dimenticatoio negli anni Duemila. A “Striscia” l’ex Pierino faceva una parodia molto riuscita di Jean Todt all’epoca direttore della Ferrari.

Vitali e la moglie
Vitali e la moglie (Instagram)

Leggi anche>>>Pensioni dei Vip: Alvaro Vitali e quelli che vivono in miseria

Alvaro Vitali oggi

Oggi Alvaro Vitali ha completamente cambiato vita. Con la seconda moglie ha creato un duo comico, lei canta e lui …racconta barzellette. Si esibiscono durante feste private, ai matrimoni e nei ristoranti.

Il cinema è ormai un ricordo. In merito l’attore lamenta di essere stato lasciato solo dopo essere stato usato. Il personaggio di Pierino lo ha travolto e quando il successo del filone è terminato, i cineasti lo hanno identificato con quel ruolo, dimenticandosi l’attore.

Alvaro Vitali
Alvaro Vitali (web source)

Leggi anche>>>Edwige Fenech: da icona sexy a nonna in tv (e nella vita)

L’attore, tra le altre cose, soffre anche di una patologia importante, l’asma bronchiale.  Questa patologia respiratoria causa restringimento dei bronchi sia di grande calibro che di piccolo calibro e si manifesta con affanno e senso di oppressione al petto.

Per chi soffre di una simile patologia, il COVID, purtroppo, potrebbe essere fatale.