Evra, la rivelazione shock: “Se un calciatore dice di esser gay, è morto”

L’ex calciatore della Juventus Patrice Evra ha fatto una rivelazione choc riguardante il mondo del calcio e i giocatori omosessuali. 

Nonostante i tanti messaggi di solidarietà e le campagne di sensibilizzazione, quella omosessuale resta ancora una tematica tabù nel mondo del calcio. Recentemente c’è stato il coming out del giocatore Joshua Cavallo, terzino australiano dell’Adelaide United, che attraverso i suoi profili social aveva dichiarato di esser gay.

Joshua Cavallo
Joshua Cavallo (Getty Images)

In quell’occasione furono tante le attestazioni di stima e affetto nei confronti del ragazzo, ma restano ancora tanti i calciatori nell’ombra e non rivelano il loro orientamento sessuale per paura delle reazioni dell’intero sistema.

Leggi anche >>> Noto politico fa coming out nel “salotto” di Fabio Fazio: “Sono gay, giusto dirlo”

Ma proprio Joshua Cavallo è stato vittima nei giorni scorsi di insulti omofobi nel corso della partita tra il suo Adelaide United e il Melbourne Victor. Il 22enne si è visto ricevere urlare contro diverse offese da parte di alcuni tifosi allo stadio, ma su Instagram si è mostrato ancora un volta forte denunciando quanto accaduto e lanciando un messaggio a chi si trova nella sua stessa situazione: “A tutti i giovani che hanno ricevuto abusi omofobici, andate avanti a testa alta e continuate a inseguire i vostri sogni. Sappiate che non c’è posto nel gioco per questo. Il calcio è un gioco per tutti, non importa chi sei, di che colore è la tua pelle o da dove vieni”. 

Leggi anche >>> Giorgia Soleri spiazza tutti sconfessando le voci sulla sua presunta omosessualità

Evra e i gay nel mondo del calcio: la rivelazione dell’ex giocatore

E sull’argomento calcio-gay si è espresso anche Patrice Evra, ex calciatore che ha vestito anche le maglia di Juventus Manchester United, che non si è mai tirato indietro quando c’è stato bisogno di alzare la voce.

Patrice Evra
Patrice Evra (Getty Images)

Leggi anche >>> Emma Marrone e la presunta omosessualità: la cantante non smentisce ma si fa “sentire”

In una intervista a Le Parisien, il francese ha rivelato che nel calcio l’omosessualità è ancora un tabù e c’è chi si mette ancora di traverso quando sente parlare di giocatori gay: “Devo dire la mia, la verità per spingere ragazzi e ragazze vittime di violenze a non chiudersi nel silenzio. Nel calcio tutto è chiuso. Se da calciatore dici che sei gay, sei morto”. 

Leggi anche >>> Hugo Maradona, il retroscena sulla morte del fratello di Diego | Il cuore non ha retto al dolore

Evra ha poi proseguito raccontando un aneddoto choc del suo passato da calciatore: “Una volta venne una persona a parlare di questo argomento alla squadra. Alcuni colleghi dissero che l’omosessualità era contro la loro religione e che se c’era un gay in spogliatoio bisognava cacciarlo dal club. Io ho giocato con gay, ne hanno parlato con me, da soli, perché hanno paura di aprirsi pubblicamente. Ci sono almeno due omosessuali per squadra. Ma nel calcio se lo dici sei finito”.