Vasco Rossi, le sue canzoni sono poesia… qualcuna diventa anima qualcun’altra prende forma

Probabilmente il più grande rocker italiano. Ma con grandi fragilità, che, talvolta, sono emerse anche dai testi delle sue canzoni

Recentemente, vi abbiamo raccontato della capacità e della grandezza con cui Vasco Rossi è stato capace di mettersi a nudo. Di raccontare le proprie fragilità, di averle superate anche grazie alla lettura. Del resto, la profondità e la letterarietà della sua musica emerge chiaramente da molte sue canzoni.

Vasco
Vasco (foto web)

Oggi 69enne, il rocker non molla. Continua a essere molto prolifico e prepara, con la speranza che il Covid dia tregua, un tour per tutto il Paese. I suoi testi sono ironici, provocatori, ma anche sentimentali e introspettivi. E proprio dai testi dei suoi grandi successi è possibile percepire la sofferenza che, talvolta, ha affrontato il cantante. Ed è stato lui stesso, nel corso di un’intervista, a parlarne. Senza filtri, proprio come è abituato lui.

Il rocker di Zocca ha raccontato di aver sofferto di una complessa forma di depressione. Di averla affrontata. Di aver tentato di curarla con i metodi tradizionali. Ma di averla superata attraverso l’arte. Già, l’arte. Che sia la musica, il cinema, la pittura, l’arte è salvifica. Nel caso di Vasco Rossi, la “medicina” è stata la lettura de “Alla ricerca del tempo perduto” di Marcel Proust.

La grandezza del Blasco

Un mito. Difficile condensare la vita e la carriera di Vasco Rossi. Probabilmente il più grande rocker italiano. Ma con grandi fragilità, che, talvolta, sono emerse anche dai testi delle sue bellissime canzoni.

Dall’inizio della sua carriera nel 1977, ha pubblicato 34 album, di cui 18 in studio, 11 dal vivo e 5 raccolte ufficiali, oltre a due EP e un’opera audiovisiva; complessivamente ha scritto 191 canzoni, oltre ad aver scritto anche numerosi testi e musiche per altri interpreti. Ha venduto quasi 40 milioni di dischi ed è dai primi anni ottanta uno degli artisti italiani di maggiore successi.

Nell’elenco dei record, menzioniamo anche il fatto che è il primo artista italiano per numero di copie vendute nel decennio che va dal 2010 al 2019. Quasi pleonastico fare un elenco dei suoi più grandi successi: da “Vita spericolata” a “Siamo solo noi”, passando per “Albachiara”, “Cosa succede in città”, “Siamo soli”, “Io no”, “Bollicine”. Ma l’elenco potrebbe essere pressoché infinito.

Vasco Rossi
Vasco Rossi (Instagram)

E, soprattutto non indicativo della grandezza del Blasco nazionale. Ancora oggi molto amato dai suoi fan sparsi in tutta l’Italia. Le sue canzoni sono amate da giovani e meno giovani. Per la sua capacità di rinnovarsi e di guardarsi dentro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Vasco Rossi, l’omaggio a Fabrizio De André: “Mi ha aperto un mondo nuovo”

Come scrive in uno dei suoi ultimi post sul suo seguitissimo profilo Instagram il rocker di Zocca: “La canzone è un oggetto misterioso, qualcosa che prende forma nei momenti meno prevedibili, un fulmine a ciel sereno… Alcune sono destinate a rimanere nei dischi perché per ragioni di tempo e di spazio non arrivano a essere suonate su un palco. Poi ci sono quelle che invece diventano l’anima dello show. Ecco, io credo che attraverso il palco le canzoni si animino, prendano vita”.