Striscia la Notizia, quello che c’è da sapere dietro la consegna di un Tapiro | Non lo immaginereste mai

Consegnato inizialmente dal Gabibbo e dal marzo 1997 dall’inviato Valerio Staffelli. Proprio Staffelli ci svela un segreto…

Il “Tapiro d’oro” è un premio satirico ideato da Antonio Ricci nel 1996. Da quell’anno è diventato un simbolo del noto tg satirico “Striscia la notizia”, ideato dallo stesso Ricci.

Tapiro d'oro (web source)
Tapiro d’oro (web source)

Il premio consiste in una rappresentazione dorata dell’omonimo mammifero, costruita in polistirene e poggiata su una base in polistirolo con una targhetta riportante il nome Tapiro d’Oro. Oggi, dopo oltre 25 anni dalla sua istituzione, scopriamo cosa c’è dietro questo (non troppo) ambito premio.

Circa 1.500 i tapiri consegnati nella storia di “Striscia la notizia”. Il premio è destinato a personaggi dello spettacolo, della politica, dello sport e di qualsiasi ambito nazionale e non, che abbiano motivo di sentirsi attapirati.

E per attapirati si intende che abbiano attraversato vicende sfortunate o siano stati coinvolti in episodi spiacevoli. L’idea di consegnare a questi personaggi un premio a forma di tapiro deriva dal fatto che essi, a causa di ciò che gli è accaduto, dovrebbero essere tristi o giù di morale. E, quindi, avere il cosiddetto muso lungo, caratteristica tipica dei tapiri.

Consegnato inizialmente dal Gabibbo e dal marzo 1997 dall’inviato Valerio Staffelli. Tutti lo conosciamo come storico inviato di “Striscia la notizia”. Colui che consegna, talvolta con polemiche, talvolta con aggressioni, l’ormai celeberrimo “Tapiro d’oro”.

Da anni celebrità sugli schermi di Canale 5, Valerio Staffelli, oggi 58enne, esordisce in radio nel lontano 1978.

Nato a Milano, muove i primi passi proprio in un’emittente meneghina: Radio Capo Nord. Dopo qualche apparizione su Rete 4, il grande salto. Valerio Staffelli, peraltro, ha anche recitato in alcuni film di successo:” Kamikazen – Ultima notte a Milano” e “Nirvana” di Gabriele Salvatores. Appare inoltre nel video di “Viva la mamma”, brano di Edoardo Bennato.

Ecco cosa c’è dietro il Tapiro d’oro

Nell’edizione 1996-1997 diviene inviato per “Striscia la notizia”. E lui che consegna l’ormai celebre “Tapiro d’oro”, premio satirico consegnato a persone che a giudizio della redazione del programma abbiano compiuto o subito qualcosa di originale e di non propriamente positivo.

Nella sua carriera ne avrebbe consegnati oltre 1300. Le reazioni alle sue consegne sono spesso imprevedibili: c’è chi accetta la statuetta vantandosi di averla vinta, chi tenta di sottrarsi senza rilasciare dichiarazioni e chi manifesta reazioni violente ai danni del giornalista.

Oggi, tramite il proprio profilo Instagram, lo stesso Staffelli ci svela cosa c’è dietro la consegna dei tapiri.

Vediamo infatti il nostro Valerio allenarsi, correndo attorno a un gigantesco tapiro sulle note di “Eyes of the tiger” dei Survivor, celebre colonna sonora di Rocky.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Selvaggia Lucarelli sulla questione “Ambra Angiolini” Striscia la notizia la “ignora”

Eh già, dietro ogni consegna del tapiro, c’è un grande allenamento del nostro Valerio Staffelli. Spesso deve rincorrere i suoi personaggi, o, peggio, difendersi dagli stessi…