Discriminazione o genetica? Le polemiche sulla vittoria della prima atleta transgender

Lia Thomas ha preso il controllo delle ultime 100 yard delle 500 yard stile libero per entrare nella storia. Ma non mancano le polemiche

Ha vinto le 500 yard stile libero nel campionato di nuoto stile libero NCAA. Ma non mancano le polemiche. Anche politiche. E anche in Italia. Il quesito è quello di sempre: è giusto che un atleta nato biologicamente uomo gareggi con atlete di sesso femminile?

Lia Thomas (web source)
Lia Thomas (web source)

Lia Thomas ha preso il controllo delle ultime 100 yard delle 500 yard stile libero per entrare nella storia giovedì come la prima donna transgender a vincere un campionato di nuoto NCAA.

Thomas ha ottenuto il miglior tempo della stagione di 4 minuti e 33,24 secondi. Emma Weyant della Virginia era seconda a 4:34.99. La gara è stata serrata fino alle ultime 100 yard, con Weyant ed Erica Sullivan del Texas che hanno spinto Thomas al comando.

“Non avevo molte aspettative per questo incontro” ha detto Thomas. “Ero semplicemente felice di essere qui e correre e competere meglio che potevo”. La gara è stata serrata fino alle ultime 100 yard, con Weyant ed Erica Sullivan del Texas che hanno spinto Thomas al comando.

Ma non mancano le polemiche.

Lia Thomas è transgender

Perché Lia Thomas, in realtà, nasce biologicamente uomo. E’ il primo nuotatore transgender a vincere un universitario dominando la finale. Thomas ha seguito le regole della NCAA e della Ivy League da quando ha iniziato la sua transizione nel 2019 iniziando la terapia ormonale sostitutiva.

L’inclusione del nuotatore ha creato polemiche, anche all’interno dello sport. C’erano meno di 10 manifestanti fuori dalla struttura della Georgia Tech, e alcuni portavano striscioni con la scritta “Salva gli sport delle donne” sugli spalti.

“Cerco di ignorarlo il più possibile” ha detto Thomas. “Cerco di concentrarmi sul mio nuoto e cerco solo di bloccare tutto il resto”. Thomas ha parlato con ESPN subito dopo la gara ma non ha partecipato alla conferenza stampa ufficiale, come richiesto dalla NCAA.

Giorgia Meloni: post su Lia Thomas (Instagram)
Giorgia Meloni: post su Lia Thomas (Instagram)

Questa vittoria ha suscitato ulteriori polemiche, perché Lia Thomas in passato aveva gareggiato (con modesti risultati) da uomo, dividendo l’opinione pubblica negli Stati Uniti. I suoi detrattori ritengono che goda di un ingiusto vantaggio fisiologico. 

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Disabile, nera e transgender: Aaron Rose Philip sfila in passerella per Moschino | Ecco chi è

E anche in Italia se ne discute. Con molta veemenza si è scagliata su questa vicenda la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Meloni ha anche dedicato un post sul proprio profilo Instagram: “Come si può consentire ad una persona con la forza e la stazza di un uomo di competere a livello sportivo nella categoria femminile? Io lo trovo assurdo, oltre che discriminatorio nei confronti delle altre atlete”. E voi, che ne pensate?