Non sempre le verdure fanno bene a tutti | Se soffri di tiroide queste le dovresti proprio evitare

Puntare su una dieta equilibrata può essere davvero fondamentale, anche se spesso tendiamo a sottovalutarlo. A trarne il beneficio è il nostro fisico a 360 gradi. Per chi ha un problema di salute particolare l’attenzione a questo aspetto è indispensabile, anzi ci sono proprio dei cibi che sarebbe bene evitare per chi soffre di tiroide, problema diffuso soprattutto tra le donne.

La tiroide è una delle parti del nostro corpo con un’importanza fondamentale, proprio perché il suo corretto funzionamento finisce per influire anche su molti altri. Proprio per questo sarebbe bene verificarne i valori periodicamente e, soprattutto, non sottovalutare i piccoli segnali che il nostro organismo ci invia. A volte si tratta di situazioni che possono essere comuni ad altri disturbi, ma che spesso sono indice di un problema proprio a questo organo a forma di farfalla che sta alla base del collo.

collo donna
Foto | Pixabay

E’ proprio grazie alla tiroide, infatti,che vengono regolati i processi metabolici e il consumo energetico dell’organismo. I sintomi che dovrebbero metterci in allarme e spingerci a un controllo sono diversi. Basti pensare secchezza e pallore cutanei, aumento e diminuzione di peso, intolleranza al freddo, stanchezza e sonnolenza eccessive, voce rauca, frequenza cardiaca rallentata, perdita della memoria e difficoltà di concentrazione. Cercare di prevenire il problema è comunque possibile.

Soffri di tiroide o vuoi evitare che questo succeda? La tua alimentazione ti può aiutare

Il disturbo della tiroide è uno tra i più diffusi, che coinvolge ben 6 persone su dieci secondo gli ultimi dati. Fortunatamente il problema può essere comunque risolto: “Ci sono a disposizione trattamenti fisiologici e chirurgici per tutti, anche per i tumori – sono le parole di Alfredo Pontecorvi, direttore di UOC di medicina interna, endocrinologia e diabetologia presso Fondazione Policlinico universitario Agostino Gemelli- IRCCS e ordinario di Endocrinologia all’università Cattolica del Sacro Cuore -. Grazie a un’alimentazione che assicura un adeguato apporto di iodio e di selenio è possibile mettere in atto anche un’azione preventiva”.

Quali sono quindi i cibi che possono aiutare chi soffre di ipotiroidismo o ipertiroidismo? E’ innanzitutto fondamentale evitare un abuso di sale. Se possibile, si dovrebbe preferire usare sempre quello fortificato con iodio.

In genere, però, tutto quello che mangiamo in Italia tende ad avere poco iodio, elemento fondamentale affinché la tiroide possa funzionare correttamente. Ed è per questo che periodicamente si dovrebbe puntare su quei cibi che ce lo garantiscono. Tra questi ci sono il pesci di mare, oltre a quello di lago, crostacei e molluschi.

pesce tavola salmone
Foto | Pixabay

Altrettanto fondamentali possono rivelarsi, uova, latte, mirtilli e alghe marine. Molti certamente non lo sanno ma un aiuto a raggiungere lo scopo può arrivare anche da dentifrici, caramelle per il mal di gola e medicine per le aritmie cardiache.

Ci sono però anche alcuni alimenti che dovremmo evitare, soprattutto se ci è già stato segnalato dagli esami il problema. In questa categoria rientrano tutti quei cibi che contengono goitrina, una sostanza può non garantire la regolazione corretta degli ormoni tiroidei. Ed è per questo che dovremmo ridurre al minimo broccoli e crocifere crude, cavoli, cavolfiori, soia e miglio. Chi non riesce a farne a meno dovrebbe almeno mangiarli caldi.